TwitterFacebookGoogle+

Il libro che ha vinto lo Strega raccontato con un disegno

Paolo Cognetti ha vinto la 71esima edizione del Premio Strega con Le otto montagne. L’autore, che ha vinto anche la quarta edizione del Premio Strega Giovani 2017, felice e commosso per il prestigioso riconoscimento, ha dedicato la vittoria alla montagna: “Perché è un posto abbandonato, dimenticato e distrutto, in molti casi dalla città, e io mi sono votato a cercare di raccontarlo. Ho cercato di fare il portavoce, il tramite tra la montagna, la pianura e la città, che sembrano lontanissimi. E io provo a raccontare quelle storie per chi non le conosce e vive troppo lontano, e cerco in qualche modo di salvare il mondo in cui vivo”.

Per raccontare – e spiegare – un libro così facile e al tempo stesso così complesso, Andrea Falcone e Alice Rebolino, ‘cartografi’ della Scuola Holden, hanno realizzato un’infografica, quasi un disegno.

Fin dalla sua genesi, Le otto montagne è stato un caso letterario: è stato tradotto in oltre 30 paesi e definito “un classico, quasi un meteorite di altri tempi dentro un universo a volte in fuga dai grandi temi” (Maurizio Crosetti su ‘Repubblica’). Le otto montagne racconta la storia di Pietro, un ragazzino di città solitario e un po’ scontroso, del suo rapporto con i genitori, con il suo amico Bruno e, soprattutto, con la montagna. Dal palco dello Strega Cognetti ha detto senza mezzi termini: “‘Natura’ è una parola che usano le persone di città”. È una storia “di padri e figli, di abbandono della civiltà, di libertà della vita selvatica. Ho sempre avuto il ricordo di una grande felicità vissuta da bambino tra i boschi. Qualunque cosa sia il destino abita nelle montagne che abbiamo sopra la testa”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.