TwitterFacebookGoogle+

Il Papa in viaggio verso Roma, "Dio benedica l'America"

(AGI) – Philadelphia, 28 set. – L’aereo di Papa Francesco, un Being 777 dell’America Airlines, e’ decollato dall’aeroporto internazionale di Philadelphia alla volta di Roma-Ciampino. La partenza e’ avvenuta con circa 15 minuti di anticipo sull’orario indicato delle 20 (ora locale). L’atterraggio e’ previsto alle 9:45 ora italiana, cioe’ dopo 8 ore di volo. Seguito e giornalisti segnati dalla stanchezza, Papa Francesco ancora pimpante dopo 10 giorni in viaggio, per la visita a Cuba e quella alle tre grandi citta’ Statunitensi: Washington, New York e Philadelphia dove stasera ha celebrato per 2 milioni di persone, radunate al Franklin Park. Da qui ha raggiunto l’aeroporto dove ha salutato Biden e un buon numero di dignitari americani e semplici fedeli senza lesinare abbracci e strette di mano. E la lunga giornata di lavoro di Bergoglio – iniziata con un impegnativo e coinvolgente incontro con le vittime dei preti pedofili – non e’ ancora conclusa: in volo, nel primo tratto, cioe’ tra poco, terra’ una conferenza stampa per gli inviati al seguito. Al momento di affrontare la scaletta dell’aereo, il Pontefice e’ stato ben attento a tirare un po’ su la veste bianca per non inciampare, come era successo ieri mattina al JFK di New York. Per evitarsi il rischio di nuove difficolta’ e relative foto, il Papa ha rinunciato per una volta a portarsi da solo la borsa nera. Il papa si e’ congedato all’aeroporto di Philadlphia con queste parole: “Cari amici, vi abbraccio tutti nel Signore e vi affido alle materne cure di Maria Immacolata, Patrona degli Stati Uniti. Preghero’ per voi e le vostre famiglie, e chiedo a voi, per favore, di pregare per me. Dio vi benedica tutti. Dio benedica l’America!” “Ringrazio il Signore – ha detto – di aver potuto constatare la fede del popolo di Dio in questo Paese, come si e’ manifestata nei momenti di preghiera insieme e si e’ mostrata in tante opere di carita’”. “Le vostre attenzioni nei miei confronti e la vostra accoglienza sono segno – ha sottolineato rivolto al vicepresidente Joe Biden e alle altre autorita’ – del vostro amore per Gesu’ e della vostra fedelta’ a Lui”. “E altrettanto – ha scandito – lo sono l’attenzione per i poveri, per i malati, i senzatetto e i migranti, la vostra difesa della vita in ogni sua fase, come pure la preoccupazione per la vita familiare”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.