TwitterFacebookGoogle+

Il parroco anti-vegani, i celiaci e la transustanziazione

Ostia consacrataIl parroco di Castelfranco, in provincia di Treviso, ha negato la sala parrocchiale ad un’associazione che l’aveva chiesta per presentare un libro sulla cucina vegana. Quando i curatori della presentazione hanno chiesto al parroco maggiori spiegazioni, si sono sentiti rispondere che l’alimentazione vegana, seguita senza particolari controlli, porti a problemi collegati all’anoressia.

L’evento di cronaca mi ha fatto venire in mente per associazione un paio di dubbi sul rapporto tra la fede cattolica e il cibo, in particolare tra l’essere vegani e/o celiaci e la comunione: se si crede che l’ostia e il vino diventino carne e sangue di Cristo, si può essere vegani e mangiare l’ostia? i celiaci credono di poter assumere tranquillamente l’ostia?

Scherzi a parte (anche se quello dei celiaci non è poi del tutto uno scherzo), mi sono andato a vedere la definizione del dogma della transustanziazione nella dottrina cattolica. Il Catechismo della Chiesa Cattolica recita:

1375 È per la conversione del pane e del vino nel suo Corpo e nel suo Sangue che Cristo diviene presente in questo sacramento. I Padri della Chiesa hanno sempre espresso con fermezza la fede della Chiesa nell’efficacia della parola di Cristo e dell’azione dello Spirito Santo per operare questa conversione. San Giovanni Crisostomo, ad esempio, afferma:

« Non è l’uomo che fa diventare le cose offerte Corpo e Sangue di Cristo, ma è Cristo stesso, che è stato crocifisso per noi. Il sacerdote, figura di Cristo, pronunzia quelle parole, ma la virtù e la grazia sono di Dio. Questo è il mio Corpo, dice. Questa parola trasforma le cose offerte ».

E sant’Ambrogio, parlando della conversione eucaristica, dice:

Dobbiamo essere convinti che « non si tratta dell’elemento formato dalla natura, ma della sostanza prodotta dalla formula della consacrazione, ed è maggiore l’efficacia della consacrazione di quella della natura, perché, per l’effetto della consacrazione, la stessa natura viene trasformata ». « La parola di Cristo, che poté creare dal nulla ciò che non esisteva, non può trasformare in una sostanza diversa ciò che esiste? Non è minore impresa dare una nuova natura alle cose che trasformarla ».

1376 Il Concilio di Trento riassume la fede cattolica dichiarando: « Poiché il Cristo, nostro Redentore, ha detto che ciò che offriva sotto la specie del pane era veramente il suo Corpo, nella Chiesa di Dio vi fu sempre la convinzione, e questo santo Concilio lo dichiara ora di nuovo, che con la consacrazione del pane e del vino si opera la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo del Cristo, nostro Signore, e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue. Questa conversione, quindi, in modo conveniente e appropriato è chiamata dalla santa Chiesa cattolica transustanziazione ».

Una rapida e rozza riflessione. Tutto questo ha un senso solo se si accetta la visione filosofica della differenza tra «sostanza» e «natura», cioè se si crede che oltre a ciò che c’è di sensibile, a ciò che risponde in qualche modo ai nostri sensi (o a quelli dei nostri strumenti si misura, esistenti o anche solo teorici), vi sia qualcosa che sta al di sotto, qualcosa che riguarda le proprietà ontologiche degli oggetti. Ma, naturalmente, millenni di esperienza non hanno portato a nessuna prova dell’esistenza di qualcosa che vada oltre la natura, oltre a ciò che è sensibile, anzi, non è neppure chiaro quali qualità dovrebbe avere questa «sostanza», se mai è possibile indicarne la presenza nel mondo reale.

In altre parole, è estremamente probabile che tutto questo sia il nulla più assoluto, ammantato dalle convolute parole della teologia.

http://uticense.blogspot.it/2014/02/il-parroco-anti-vegani-i-celiaci-e-la.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.