TwitterFacebookGoogle+

Il prezzo del Milan gonfiato per riciclare denaro? Un'inchiesta della procura

La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta sulla vendita del Milan ipotizzando che i conti siano stati gonfiati per motivi di riciclaggio. Lo scrive il quotidiano La Stampa, sottolineando come questa tegola giudiziaria rischi di ripercuotersi sulla campagna elettorale di Silvio Berlusconi che nell’aprile scorso, dopo 31 anni, aveva ceduto il club rossonero per 740 milioni all’imprenditore cinese Yonghong Li.

I pm milanesi sospettano che si sia trattato di una vendita gonfiata con una cifra fuori mercato pagata attraverso canali internazionali. Di qui l’avvio di una serie di verifiche per accertare la reale provenienza del denaro e se non si sia trattato di un modo per schermare il rientro in Italia di una sostanziosa cifra. Tra le varie ipotesi, l’inchiesta comporta anche verifiche sul reato di riciclaggio.

Scrive il giornale: “Un iter discusso, come si diceva: un passaggio di consegne del Milan, dopo anni di successi sotto la presidenza berlusconiana, travagliato e infinito. Per sgombrare il campo da equivoci e voci che si rincorrevano, l’estate scorsa era stato l’avvocato storico dell’ex Cavaliere, Niccolò Ghedini, a consegnare in procura i documenti per attestare la regolare provenienza del denaro cinese («lecita provenienza di fondi», l’esatta dizione del documento ufficiale passato al vaglio di esperti di finanza). Alla base dell’apertura dell’inchiesta avvenuta poche settimane fa, ci sarebbero nuovi documenti che dimostrerebbero esattamente il contrario. Da dove sia partita la svolta, al momento non è ancora chiaro. Una traccia, si deduce, che risalirebbe ai reali flussi di denaro partiti da Hong Kong. Di certo, ci sono elementi nuovi che smentirebbero la regolarità di una bella fetta dell’operazione”. Leggi qui l’articolo integrale.

Dove Li Yonghong troverà i soldi per restituire 300 milioni al fondo Elliott senza i quali non avrebbe potuto comprare il Milan? ​Da dove venivano i soldi delle prime caparre versate per l’acquisto del club rossonero? Da Hong Kong? Dalle Isole Vergini? E di chi erano questi soldi visto che la cordata di investitori di cui Li si diceva fosse a capo non è mai esistita? ​Erano​ le​ domande ​con cui si concludeva ad aprile dell’anno scorso (quando il Milan di Berlusconi fu ceduto in modo rocambolesco al misterioso uomo d’affari noto in Cina per le sue truffe) ​la nostra inchiesta “Diavoli e Dragoni”. Sono le domande che abbiamo continuato a porci i questi mesi, svelando i retroscena per “rovinare il Milan”. Le stesse sulla qual​i​ si è interrogato di recente l’inchiesta del New York Times. Oggi arriva il sospetto di una “vendita gonfiata” per riciclare denaro.

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.