TwitterFacebookGoogle+

Il professor Matteo Renzi a Stanford

Nelle scorse settimane, anche per rispondere agli attacchi interni e esterni al partito, aveva già annunciato l’intenzione di voler coltivare altri interessi, al di là della politica, “dalle startup all’universita” ha spiegato al Corriere. E visto che domenica rassegnerà formalmente le dimissioni da segretario Dem per rilanciare la sua corsa alla leadership, la vita di Matteo Renzi cambierà anche in questo. Più tempo a disposizione fuori dal Palazzo e dalle polemiche.

L’accordo con Stanford, a Firenze

L’ex premier, riferisce chi gli ha parlato in questi giorni, ha confidato di aver chiuso un contratto con un’ Università americana con sede a Firenze, per tenere un corso agli studenti. Nel capoluogo toscano hanno sede alcune delle più prestigiose Università americane, come la Georgetown, la Harvard, la Stanford.

L’accordo, secondo le stesse fonti, dovrebbe essere proprio con quest’ultima, per una serie di lezioni ai ragazzi iscritti all’università privata la cui sede principale è situata in California, nella Contea di Santa Clara, a circa 60 chilometri a sud di San Francisco, nel cuore della Silicon Valley. Studiosi di Stanford o alcuni suoi ex alunni hanno creato compagnie come Apple, Google e Yahoo! Quella di Firenze è la più longeva sede distaccata al mondo. Il segretario dem in questi anni a palazzo Chigi ha sottolineato la necessità di rendere gli atenei italiani sempre piu’ simili al modello statunitense.

“Sto coltivando i progetti che ho sempre avuto nel cuore”

Il premier è stato ospite di John Hennessy, il rettore del prestigioso campus sulle colline a sud di San Francisco, ma nella sua visita negli Usa nell’aprile del 2015 l’allora presidente del Consiglio tenne anche un discorso agli studenti della Georgetown University e l’anno dopo si recò ad Harvard. “Sto coltivando i progetti che ho sempre avuto nel cuore”, ha affermato al Corriere in un’intervista in cui ha rilanciato l’appello alla minoranza a non andare via dal partito. Io – continua a dire l’ex premier ai suoi – non voglio la scissione. Sono amareggiato, vorrei evitarla, ma sono loro a non voler trattare“.

In queste ore – un segnale è il colloquio telefonico tra Renzi e Emiliano – si sta comunque lavorando per scongiurare lo strappo nel Pd. Nell’attesa di capire cosa succederà domenica all’Assemblea, Renzi sta mettendo a punto le prossime tappe della campagna elettorale. Lo scopo è quello di indossare i panni di talent scout: viaggi e contatti con la gente. Per uscire dal Palazzo. “Vivo una fase bellissima, ho più tempo per me e per i miei. Chi mi stava vicino per interesse si è allontanato”, confida.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.