TwitterFacebookGoogle+

Il retroscena dell'emergenza, il sindaco si rimbocca le maniche

Lo sfogo del sindaco di Castiglione Messer Raimondo (provincia di Teramo) è partito su Facebook per poi rimbalzare sugli altri social network. Da lì ad arrivare sulla pagina Facebook di Giuseppe D’Ercole, è un click.

E si arriva al racconto di questi giorni di emergenza assoluta nel Centro Italia visti con lo sguardo di un primo cittadino di un paese da 2.342 abitanti (Wikipedia).

Si legge la fatica di tutti i giorni, la frustrazione e pure le critiche dei cittadini delle frazioni più disagiate. Uno spaccato di cosa vuol dire fare il sindaco in un’emergenza come quella di questi giorni, preso fra le richieste dei cittadini e le necessità dei coordinamenti generali.

E finisce, come in mille altri piccoli paesi in Italia, “che chi fa da sé fa per tre” e allora un sindaco salga nella cabina di un camion e si muova per conto suo.

La condizione delle strade nei dintorni è spesso questa.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.