TwitterFacebookGoogle+

Il "Sì" scrive a italiani Israele, "Gerusalemme,Palestina"

Roma – Israele, per l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire), ancora non esiste. E Gerusalemme si trova, dunque, in Palestina. E’ un salto di ben 68 anni quello compiuto dalla lettera inviata dai ‘Comitati per il Sì’ ai cittadini italiani che abitano in Israele (comunità degli Italkim) e che, aperta la cassetta della posta, hanno trovato una busta che li rispedisce in pieno Mandato britannico, in un tempo precedente quel 15 maggio 1948 che vide le truppe di Sua Maestà ritirarsi dalla Terrasanta.

“Gerusalemme, Palestina”, è scritto nell’indirizzo della lettera, corredata da una foto che ritrae un sorridente presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, insieme al presidente uscente americano, Barack Obama. La segnalazione è stata fatta dal portale dell’ebraismo italiano, Moked, che scrive di una scelta dovuta a un “errore di catalogazione nel database”, che ha avuto una “sgradevole conseguenza”. La lettera, ironizza il portale, ha un “sapore antico, decisamente vintage, nella più benevola delle ipotesi”. Al portale si erano rivolti diversi italiani residenti in Israele, selezionati in base all’indirizzario fornito dall’Aire, già oggetto di una polemica politica che ha visto il ‘Comitato per il No’ protestare contro il governo poiché sarebbe stato fornito solo al campo favorevole alla riforma referendaria.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.