TwitterFacebookGoogle+

Il semestre dell'Austria alla presidenza Ue punterà tutto su sicurezza e immigrazione

“Un’Europa che protegge”. è il titolo del programma austriaco per il semestre di guida del Consiglio europeo che inizierà il primo luglio. “La Presidenza austriaca del Consiglio dell’Unione europea si concentrerà sulla sicurezza e la lotta contro l’immigrazione illegale”, si legge sul sito, “garantendo prosperità e competitività attraverso la digitalizzazione e la stabilità nel vicinato europeo”.

Sono temi che saranno affrontati anche domani nella “Conferenza dei Presidenti” cui parteciperà anche il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. Il motto della Presidenza austriaca è “Un’Europa che protegge […] Per raggiungere questo obiettivo, l’approccio dell’Austria sarà basato sul rafforzamento del principio di sussidiarietà. L’Unione europea dovrebbe concentrarsi su grandi questioni che richiedono una soluzione comune e fare un passo indietro quando si tratta di questioni minori in cui gli Stati membri o le regioni si trovano in una posizione migliore per prendere decisioni. Questo approccio mira a prendere sul serio il motto dell’Unione europea, “Uniti nella diversità”.

Per questo, la Presidenza austriaca darà priorità al ruolo protettivo dell’Unione europea, in particolare per quanto riguarda tre settori prioritari:

  1. Sicurezza e lotta alla migrazione illegale
  2. Assicurare prosperità e competitività attraverso la digitalizzazione
  3. Stabilità nel vicinato europeo – Prospettiva UE dei Balcani occidentali / Europa sudorientale

Secondo il programma, “l’Austria vede il suo ruolo durante la prossima Presidenza del Consiglio come quella di un intermediario neutrale. Data la sua posizione geografica nel cuore dell’UE, il suo obbligo di neutralità e in linea con il suo tradizionale ruolo di costruttore di ponti, l’Austria cercherà di contribuire all’unità all’interno dell’UE durante la sua Presidenza del Consiglio”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.