TwitterFacebookGoogle+

Il Sexgate esplode all’Onu: centinaia di abusi sessuali in un clima d’omertà

Il The Guardian pubblica un’inchiesta che denuncia moltissimi casi interni alle Nazioni Unite, tutti legati da un’unica minaccia: se parlate, perdete il lavoro.

globalist18 gennaio 2018 –

Il quotidiano inglese The Guardian ha pubblicato un articolo che denuncia una serie di casi di molestie sessuali all’interno delle Nazioni Unite. Nell’articolo, decine di attuali e vecchi impiegati dell’Onu descrivono una cultura del silenzio all’interno dell’organizzazione e le accuse, tutte fornite in maniera anonima, vanno dalla molestia verbale al vero e proprio stupro. Tutte le vittime concordano su un punto: nessuno poteva parlare, pena la perdita del proprio lavoro.

L’indagine è stata condotta dal Guardian su dieci sedi diverse dell’Onu (quindi dieci diversi paesi) e le storie delle vittime erano fin troppo simili tra loro: tre donne, tutte da differenti uffici, hanno dichiarato di essere state ripetutamente minacciate se avessero parlato e ad essere accusato sono uomini che ricoprono posizioni di rilievo all’interno delle Nazioni Unite.

Molte donne hanno confermato che il problema è conosciuto all’interno dell’Onu, e che alcune indagini interne sono state effettuate, ma sempre con lo stesso risultato: alcune donne hanno dichiarato che le indagini non sono riuscite a trovare abbastanza prove, mentre altre hanno potuto constatare che all’interno dei documenti relativi ai loro casi (visionati dal Guardian) c’erano numerosi errori e omissioni di testimonianze fondamentali.

http://www.globalist.it/world/articolo/2018/01/18/il-sexgate-esplode-all-onu-centinaia-di-abusi-sessuali-in-un-clima-d-omerta-2018017.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.