TwitterFacebookGoogle+

Il 'tresette reale' di Carlo con i pensionati della Caritas

E’ stato un tresette ‘reale’ quello che si è giocato alla Caritas di Firenze dove quattro anziani si sono ritrovati come ‘inedito’ compagno di gioco niente meno che il principe Carlo. 

Tra carte e giochi di prestigio

Quando l’erede al trono, durante la sua visita alla casa famiglia San Paolino a Firenze, è entrato nella sala che ospita gli anziani ha trovato un gruppo di ottantenni intenti a giocare a Tressette. Si è seduto con loro e, dopo l’incredulità iniziale dei pensionati, con l’aiuto dell’interprete si è fatto spiegare le regole del gioco e alla fine si sono intesi. L’imbarazzo iniziale è subito svanito, tanto che uno degli anziani si è esibito anche in alcuni giochi di prestigio per intrattenere Carlo. 


La tappa del principe alla casa famiglia San Paolino, centro che ospita donne e madri con figli in condizioni di fragilità, adulti bisognosi italiani e stranieri, è stata dedicata alla solidarietà e al volontariato non-profit. Carlo è stato ricevuto dal sindaco Dario Nardella, dall’assessore Sara Funaro, e dal direttore della Caritas di Firenze, Alessandro Maritini, responsabile della struttura e ha conosciuto gli ospiti provenienti da Romania, Nigeria, Egitto. Ad accompagnarlo nella visita c’era anche il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, che gli ha donato un libro sul Duomo e sull’Istituto degli Innocenti. L’erede al trono ha anche incontrato le donne con i bambini ospiti della struttura dove i piccoli, che per l’occasione non sono andati a scuola,  hanno mostrato una pergamena con su scritto ‘I wish…’ e il principe ha scritto ‘Prince Charles’. 

Tour per rafforzare le relazioni tra Regno Unito ed Europa

Ieri il Carlo, senza la consorte Camilla, aveva visitato Amatrice con la promessa di fare “qualcosa di concreto per voi”. La permanenza in Italia del principe di Galles e della duchessa di Cornovaglia fa parte di un più ampio tour europeo della durata di nove giorni che è iniziato il 29 marzo dalla Romania. Il viaggio mira a rafforzare le relazioni tra il Regno Unito e i partner europei su temi che includono la coesione sociale, la collaborazione militare e il contrasto al traffico di esseri umani.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.