TwitterFacebookGoogle+

Imam Caserta, tunisino jihadista non era mio factotum

Caserta – “Non era il mio factotum e l’ho visto pregare una decina di volte, ma mai ho notato atteggiamenti strani perche’ queste persone che inneggiano alla violenza non avvicinano persone dell’Islam che non sono per la violenza”. “L’Isis e’ un fenomeno (organizzazione, ndr) che attacca anche noi (islamici, ndr)”. Cosi’ l’Imam della moschea di San Marcellino Nasser Hidouri, intervistato dai giornalisti, replica alle affermazioni degli inquirenti che descrivono il tunisino Khemiri Mohammed Kamel Eddine come suo stretto collaboratore. Il tunisino abitava in un appartamento sopra la moschea. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.