TwitterFacebookGoogle+

Immaginazione au pouvoir

Articoli di Tommaso Basevi  “”La mostra: alla Maison Rouge di Parigi, fino al 21 maggio le controculture dal ’67 all’ ’89″ “Il pensiero corre al nostro ’77 e alle tante affinità e divergenze al di qua e al di là delle Alpi”.
E di Alessandra Vanzi “Era  il ’77, circolava il Maodadaismo “”Il libro. Storia della rivista A/TRAVERSO di Luca Chiurchiù. Dichiariamo la nascita del TRASVERSALISMO, forma teorica che interpreta il percorso della scrittura-creatività-sovversione” (Alias 18.3.17) LEGGI DI SEGUITO

“”Oggi che la bandiera di Charlie Hebdo e della libertà d’espressione viene agitata strumentalmente anche dai tanti maitres à penser della nuova destra, reimmergersi nello spirito ribelle delle controculture che nella seconda metà del secolo scorso contaminarono la società francese, i suoi costumi, le pratiche artistiche e militanti può rivelarsi un salutare esercizio «critico» oltrechè un’operazione decisamente ludica.
L’occasione la fornisce la mostra organizzata dalla Maison Rouge di Parigi (visibile fino al prossimo 21 maggio) il cui titolo «L’Esprit Francais» è già di per sé ricco di significati. Come ricordano i curatori Guillaume Désanges e Francois Piron, in tempi in cui il riferimento a presunte caratteristiche culturali nazionali «è diventato tabù nel mondo dell’arte», affermandosi egemonicamente altrove, spostare il cursore e scommettere sull’esistenza di una peculiarità francese al di fuori dei confini della cultura ufficiale è una scelta in qualche modo politica.
Il presupposto è che «quello che il paese ha prodotto di migliore sia nato ai margini», in quella nebulosa sperimentale che per due decenni investì e contaminò il cinema, la musica, la televisione, la grafica ma anche la psichiatria, la scuola, l’architettura mescolando spinte ideali e pulsioni nichiliste, humour caustico, dissacrante e disagio, individualismo estremo e utopie collettive.

Oltre il ’68 Figlie del ’68 le controculture nè presero anche congedo annunciando la crisi del lavoro, il precariato diffuso, la fine delle ideologie del Novecento. La mostra, per il visitatore italiano è interessante anche per i continui rimandi che si instaurano con quanto alla stessa epoca avvenne nel nostro paese. Il pensiero corre al ’77 di cui si celebra quest’anno il quarantennale, e alle tante affinità e alle innumerevoli divergenze prodotte al di qua e al di là delle Alpi lungo l’arco di un ventennio che si chiuse alla fine degli anni Ottanta, nel 1989 più precisamente. L’anno del crollo del Muro che in Francia fu anche l’anno delle celebrazioni del Bicentenario della Rivoluzione e del recupero, pacificato e consensuale, del potenziale sovversivo dell’iconografia rivoluzionaria.
Da Serge Gainsbourg che distorce la Marsigliese in versione reggae alle femministe che depongono una corona di fiori sotto l’Arco di Trionfo in onore alle donne dei militi ignoti, dalle copertine di Hara Kiri ( il ‘padre’ di Charlie Hebdo a cui ci riferivamo in apertura) alle manifestazioni degli artisti contro l’esposizione Pompidou del 1972: una contestazione ironica e spesso insolente prese di mira in quegli anni il sistema di valori dominante, sfidando divieti e censure.

NEODADA I manifesti militanti del 68 annunciavano la fantasia e l’immaginazione al potere ma la loro veste grafica e i loro slogan avevano ancora l’austero grigiore di un militantismo rigido e moralista.
Le nuove pubblicazioni e i nuovi volantini underground persenti in quantità sulle pareti delle sale della Maison Rouge, mescolano invece politica, arte, ecologia, sessualità. Sono colorati. Propongono tavole decostruite e détournement in serie. Lo spirito è neodadaista e l’influenza evidente è quella della free press americana.
La circolazione di questo eterogeneo materiale si fa anch’essa attraverso canali alternativi. Nascono librerie di movimento, luoghi di ritrovo e squats come quello delle Halles, il ‘ventre di Parigi’ dove sorgevano i Mercati Generali distrutti nel 1971 e nella cui fossa-cantiere, in attesa della trasformazione in centro commerciale, Marco Ferreri girò Non toccare la dama bianca, parodia della battaglia di Little Big Horn, con gli sfrattati del quartiere nelle vesti degli indiani in lotta contro il generale Custer. Nella fossa delle Halles, una sorta di proto-TAZ anti-speculazione, gli studenti di architettura e della Scuola di Belle Arti organizzavano happenings e concerti, creavano fanzines in cui veniva denunciata la violenza della polizia nello sgombero della zona. Vennero presentati numerosi controprogetti urbanistici e architettonici mentre il contestato progetto ufficiale affidato all’architetto Emile Aillaud verrà messo alla berlina nella rivista L’ivre de pierres che pubblicherà anche un delirante e iconoclasta «Partenogenesi architettonica» immaginata dal pittore Jean Criton.
Si formano i primi gruppi di giovani delle banlieues, figli di immigrati che denunciano l’esclusione e l’ipocrisia di un sistema egualitario solo a parole che rifiuta di fare i conti con il proprio passato coloniale e costruisce ghetti per i suoi cittadini di serie B.

I MODELLI ALTERNATIVI La contestazione al modello di famiglia patriarcale e le rivendicazioni di genere ingrossano lefila del movimento femminista e provocano la nascita dei primi gruppi organizzati omosessuali come il Front Homosexuel d’Action Révolutionnaire da cui fuoriusciranno le lesbiche dissidenti Les Gouines Rouges che dalle pagine prima di Tout! e poi di Le Fléau social e Antinorm attaccano l’FHAR accusandola di fallocrazia.
Dopo il fallimento sul piano strettamente politico della rivolta del ’68 l’attacco al sistema è infatti sempre meno frontale ma non per questo meno radicale. Si sperimentano strategie di exit , modelli di vita e di esistenza alternativi. L’emergere dell’antipsichiatria produce ad esempio un’esperienza come quella della Clinique de la Borde creata da Jean Oury nel 1963 dopo un epica fuga da una struttura psichiatrica tradizionale di pazienti internati e medici. A La Borde dove per molto tempo lavorò anche Felix Guattari è l’istituzione a «dover essere curata», degerarchizzata.
I dispositivi repressivi e di potere che determinano l’approccio alla malattia mentale vengono decostuiti e smontati nella pratica e nella teoria. Sulla scorta dei lavori di Foucault anche la scuola e le prigioni vengono investite dalla contestazione alle istituzioni totali.
Jules Celma pubblica il suo Journal d’un éducastrateur. La pedagogia sperimentale teorizza l’emancipazione dell’infanzia dai vincoli imposti dal mondo adulto. Il disegno, il fumetto, il gioco diventano uno spazio di libertà, un rifugio capace di attirare una moltitudine di artisti. I confini sono porosi, continuamente rimessi in discussione. Roland Topor mentre realizza la serie televisiva per l’infanzia Teléchat adatta al grande schermo la biografia del marchese De Sade. «La scuola puzza» titola nel 1973 la copertina di un altra rivista storica come Actuel (che ispirerà non solo per la sua veste grafica Frigidaire…) mentre l’ateismo radicale del Marchese ispira i disegni ossessivi di Pierre Klossowski, le fantasie onaniste di Pierre Molinier, le pitture erotiche e anticlericali di Clovis Trouille e i primi lavori della performer Orlan.
Donne, omosessuali, studenti, artisti, immigrati, detenuti. La presa di parola investe tutti i settori della società. La crisi morde e la Francia è in ebollizione. Inquieta. La protesta alla fine degli anni ’70 non è più solo creativa ma anche violenta come violenta è spesso anche la risposta dello Stato. Non si rivendica un posto nella società ma la distruzione pura e semplice delle norme che la sorreggono. Il nemico pubblico numero 1 il bandito Jacques Mesrine che poi verrà ucciso dalla polizia in uno scontro a fuoco, secondo i sondaggi, risulterà la personalità più amata dai francesi nell’anno 1978. L’aggressività punk sostituisce lo spirito hippie. A far parlare di sé sono band come i Berurier Noir con i loro inni distopici e no future colonna sonora della mostra nell’installazione che Claude Léveque concepì nel 1987 e che ora presenta per la prima volta. Più che la costruzione di un’alternativa ai modelli esistenti questa Babele ribelle assunse spesso i tratti di una rivolta anarchica e individualista attratta dal tutto e subito e dal qui ed ora.

GLI ANNI DI MITTERAND, LE PAILLETTES, IL RIFLUSSO Il 1981, anno dell’elezione di Francois Mitterrand all’Eliseo segna una svolta, politica ma anche culturale. La dissidenza artistica non viene più repressa e marginalizzata come prima ma finisce per essere in qualche modo recuperata e ammansita.
L’underground entra nel tritacarne del consumo mainstream. Vengono gettate le basi di una ‘democrazia festaiola’ simbolizzata ad esempio dall’isitituzione della Giornata della Musica da parte del Ministro Jack Lang. «I contenuti più radicalmente politici – come osservano i curatori Francois Piron e Guillaume Désanges – vengono annacquati nel decoro». La ‘società dello spettacolo’ teorizzata da Debord dispiega tutta la sua potenza seduttiva creando personaggi e icône reclutate nel mondo della scena alternativa e che diventeranno star riconosciute da tutti, balsfeme, eccentriche e kitch. E’ il caso degli artisti Pierre e Gilles, della trans Marie France, di Alain Pacadis, garcon maudit delle notti parigine, che dalle pagine del giornale Libération racconterà le nuove tendenze del punk e della new wave, le folli serate della discoteca Palace, l’edonismo disperato, narcisista e disilluso di una generazione risucchiata poi in massa nella droga e decimata dall’epidemia di AIDS.
Questa parabola che conduce le controculture nell’alveo mainstream è ben esemplificata dall’epopea delle radio pirata (Radio Verte, Radio Riposte, Radio Ivre le più famose) fiorite alla fine degli anni 70 a Parigi ma anche nel resto del paese e poi in qualche modo legalizzate con l’apertura dell’etere decisa dai socialisti al potere. Inizia allora il biennio delle radio libere, tra le quali l’indimenticata Carbone 14, una sorta di Radio Alice, animata da collettivi e personaggi come Siné, Gainsbourg, Colouche. Puerile, sovversiva, romantica, confusionaria. Ingestibile. Radio Carbone non sopravviverà alla riforma con cui nel 1983 il governo decide di mettere ordine nell’etere. L’assegnazione delle frequenze verrà regolamentata aprendo la strada al dominio delle radio private e commerciali. La ricreazione è finita. E come scrive Gilles Chatelet, attivista e filosofo gay morto suicida, «le lancette dell’orologio vengono sintonizzate sull’ora di una nuova rivoluzione ma stavolta neoconservatrice»””

Articolo di Alessandra Vanzi “Era  il ’77, circolava il Maodadaismo” (Alias 18.3.17) “Il libro. Storia della rivista A/TRAVERSO di Luca Chiurchiù. Dichiariamo la nascita del TRASVERSALISMO, forma teorica che interpreta il percorso della scrittura-creatività-sovversione”

“”“Ho ficcato un dito nel cielo e ho dimostrato è un ladro!” (Majakovskij). Questa frase, che pronunciavo nel mio primo spettacolo “La rivolta degli oggetti” (1976), non l’ho mai dimenticata e mi è risuonata continuamente nelle orecchie leggendo in questi giorni il libro di Luca Chiurchiù “A/traverso La rivoluzione è finita abbiamo vinto” (ed. Derive Approdi) che ricostruisce con filologica precisione la storia della rivista e il contesto movimentista in cui nasce. Le idee viaggiavano veloci nell’etere trasmesse dalle prime radio libere e penetravano l’atmosfera con analogie anarchiche e maodadaiste spostandosi tra i linguaggi, destrutturandoli, mescolando illuminazioni filosofiche, punk, rivoluzioni sessuali e comportamentali. Nel teatro d’avanguardia si moltiplicavano le performances che evadevano dagli spazi deputati invadendo le strade con il Living, la Postmodern dance e Grotowski, la musica partoriva i Sex Pistols e Freakantoni, l’arte Keith Haring e Andrea Pazienza, la scrittura Tondelli e Palandri, la poesia Bellezza e Ferlinghetti e mille altri artisti; così anche le riviste, i fogli del movimento si moltiplicavano: Rosso, Zut, Zizzania, La rivoluzione, il Male, etc. etc. supportati sempre dallo stesso unico garante Marcello Baraghini fondatore di Stampa Alternativa. Nel ‘77 A/traverso è una delle voci più rappresentative del movimento; nasce in Via Marsili a Bologna, casa di Franco Berardi detto Bifo che insieme a Maurizio Torrealta, Stefano Saviotti, Luciano Capelli, Claudio Cappi, Paolo Ricci, Matteo Guerrino, Marzia Bisognin a cui si aggiunge Angelo Pasquini, unico romano, quasi tutti gravitanti nell’orbita del DAMS, quasi tutti con formazione estetico-semiotica, sperimentano in pratica-rivoluzionaria-scrittoria le teorie del situazionismo Debordiano, la lezione delle avanguardie primo novecentesche, leggono i noveaux philosophes francesi Deleuze, Guattarì, Foucault, Lacan, gli scrittori Barthes e Balestrini e il gruppo 63. Ispirati da Majakoskij producono il contro manifesto del maodadaismo (Mao Tse Tung diventa soprattutto un simbolo pop), che leggono al Convegno della Cooperativa scrittori : “…Diciamo DADA e intendiamo la nostra collocazione altrove. Oggi – fuori di qui – nella vita entusiasmante del proletariato giovanile mobile, della classe operaia in lotta, delle donne e dei gay che sperimentano forme di vita non sessista e non competitiva, dichiariamo la nascita del MAO-DADAISMO, una pratica della scrittura non separata, ma trasversale, capace di ricomporre gli ordini dell’esistenza. Oltre la politica del compromesso, oltre la cultura del compromesso, fatte per riprodurre e giustificare il dominio del capitale sul tempo di vita , dichiariamo la nascita del TRASVERSALISMO, forma teorica che interpreta il percorso pratico della scrittura-creatività-sovversione. I nuovi scrittori sono dentro il proletariato giovanile mobile, fra i gay, fra le donne, fra gli operai assenteisti, fra i rivoluzionari, fra i lavoratori intellettuali che affrettano la fine della società fondata sulla miseria e sul lavoro.” “ Dissolutezza sfrenatezza festa. Questo è il livello a cui è attestato il comportamento dei giovani, degli operai, degli studenti, delle donne. E se per i burocrati questa non è politica, ebbene, è la nostra politica, magari la chiameremo in un altro modo. Appropriazione e liberazione del corpo, trasformazione collettiva dei rapporti interpersonali sono il modo in cui oggi ricostruiamo un progetto contro il lavoro di fabbrica, contro qualsiasi ordine fondato sulla prestazione o sullo sfruttamento.”
Naturalmente tanta provocazione non era accettabile per nessuna Istituzione e dopo i primi mesi di entusiasmo liberatorio e sfrenato arrivò l’11 marzo e la polizia di Kossiga, novello Fouchè, fece di Francesco Lo Russo la sua prima vittima dell’anno, appositamente direi, e precipitò il livello dello scontro, e vennero tempi di leggi speciali, di galere e clandestinità, di eroina lasciata correre nelle vene come sedativo di massa, del teorema Catalanotti. Il 12 marzo, mentre a Roma scontri durissimi vanno avanti fino a notte fonda, a Bologna viene chiusa, durante la diretta, radio Alice. Il 14 marzo vengono arrestati Saviotti, i fratelli Minella e Marzia Bisognin. Bifo riesce a scappare in Francia. Angelo Pasquini viene arrestato il 4 aprile al funerale di suo padre. Ciò nonostante nel giugno ’77 A/traverso esce con un numero contro la criminalizzazione del dissenso da cui: “ …Ma l’unica cultura vivente è quella del movimento. Gli unici poeti italiani che abbiano saputo cogliere il respiro della storia sono – come Angelo Pasquini e Stefano Saviotti – in carcere, oppure come Nanni Balestrini perquisiti e perseguitati , o, come Bifo latitanti. Quando la cultura deve farsi , per il potere, organizzazione del consenso, ecco allora che lo stato decreta che il dissenso è criminale, e la persecuzione stalinista non colpisce la scrittura, la teoria, la poesia, ma la sua capacità trasversale di collettivizzazione e trasformazione..Non si tratta di costringere la poesia alla storia, ma di riconoscere che è solo il respiro della rivolta, lo spessore della storia, a dare al testo la densità della poesia.” Il movimento del ’77 è stato creativo, fulminate, celibe, forse per questo non ha lasciato eredi. Come dice Torrealta: ”l’avanguardia che si mette l’anello al dito definendosi tale è un’Avanguardia Sposata, quella che invece non pensa a definirsi ma canta e balla, dipinge e suona, è invece un’Avanguardia Celibe. Per quanto possa ricordare nessuno del movimento del ’77 si è mai definito avanguardia. Gli unici a farlo furono i seguaci della lotta armata…altri decisero di spogliarsi, di segnarsi il viso e il corpo, come selvaggi in una cerimonia iniziatica, di dimenticare la grammatica e la sintassi, di anagrammare le parole sconosciute, di parlare in versi, di regredire al livello più lontano del passato e di immaginare gli scenari più avanzati del futuro, di riprovare a reinventarsi tutti i linguaggi del mondo , perché tutti i linguaggi del mondo avevano già fallito.” “”

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.