TwitterFacebookGoogle+

Immigrati: dalla manifestazione a Roma un appello all'Ue "stop alle stragi" – VIDEO

(AGI) – Roma, 20 giu. – Un’altra Europa, senza barconi affondati, senza muri ai confini, senza respingimenti alla frontiera. E’ quella invocata alla manifestazione ‘fermiamo la strage’ che si e’ tenuta al Colosseo su iniziativa di centinaia di organizzazioni nonche’ dei sindacati confederali, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. Sul palco si sono alternati testimonianze e musica, finche’ la pioggia lo ha permesso. In piazza tanti stranieri che vivono nel nostro Paese e tanti volontari. Nei discorsi dei rappresentanti di Arci, Libera, Acli, Rete della Pace, Legambiente, Lunaria, Action, Centro Astalli, degli studenti della Rete, di esponenti della Cisl e del sindacato spagnolo, nonche’ dei leader di Uil e Cgil, Carmelo Barbagallo e Susanna Camusso, sono risuonate ricorrenti le parole solidarieta’, rispetto, accoglienza. Il richiamo e’ stato rivolto all’Unione Europea perche’ modifichi la politica legata al regolamento di Dublino ma le critiche piu’ dure sono andate ai politici italiani che speculano sulla paura e agli affaristi che sfruttano gli immigrati.


Immigrati: manifestazione a Roma, appello all’Ue “stop alle stragi”

<

“Le mafie ringraziano – ha detto Don Tonio Dell’Olio di Libera – perche’ non si sarebbero aspettate che ad essere loro complici fedeli fossero genti del Nord raccolte raccolte in un partito a progettare la condanna alla clandestinita’ ovvero attingere a chiedere alle mafie passaporti, viaggio e pedaggio. E le mafie ringraziano perche’ bisogna organizzare centri di espulsione e gli sciacalli della burocrazia e la gestione della disperazione. E le mafie ringraziano. E diventano sistema, mafia capitale”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.