TwitterFacebookGoogle+

Immigrati: in 170 ancora sugli scogli, oggi corteo centri sociali

(AGI) – Genova, 20 giu. – “Abbiamo contato circa 170 persone sugli scogli. Di questi, circa 110 sono musulmani che, soprattutto uomini con poche donne e un bambino, stanno osservando il Ramadan (un mese di digiuno giornaliero, dall’alba al tramonto per i fedeli del Corano, ndr). Una sessantina, invece, sono cristiani”. Cosi’ Fiammetta Cogliolo, responsabile della Croce Rossa ligure, fa il punto della situazione sull’emergenza migranti nella zona di Ponte San Ludovico, a pochi metri dal confine italo-francese, nel comune di Ventimiglia. “Ieri – aggiunge Cogliolo – in 14 hanno chiesto di essere accompagnati alla stazione e una decina hanno detto che oggi li avrebbero seguiti”. Alla stazione, dove la maggior parte dei migranti ha accettato di trasferirsi nei locali messi a disposizione di Rfi “e’ piu’ difficile fare censimenti – aggiunge la responsabile della Cri Liguria – perche’ i migranti possono allontanarsi in ogni momento. Sulla base dei pasti che distribuiamo abbiamo calcolato circa 500 persone”. Per quanto riguarda i profughi sulla scogliera dei Balzi Rossi “rispetto alla diffidenza dei primi giorni – prosegue Cogliolo – oggi la situazione e’ molto cambiata. C’e’ molta collaborazione e i migranti cercano di ripulire dai rifiuti, portano via la spazzatura e si rendono utili come possono. Durante il giorno i musulmani sugli scogli pregano e leggono libri. Tutti hanno chiesto di poter avere cartine dell’Europa: vogliono avere informazioni e i volontari stanno loro insegnando un po’ di italiano”. Nel pomeriggio, nella zona della stazione, e’ prevista una manifestazione dei centri sociali provenienti da tutta Italia in segno di solidarieta’ con i migranti in occasione della giornata mondiale del rifugiato. “Come Croce Rossa – conclude Fiammetta Cogliolo – abbiamo potenziato il personale sia qui, a Ponte San Ludovico, sia in stazione: speriamo che vada tutto bene”. Non sarebbe stata autorizzata, invece, una iniziativa di segno opposto, promossa dal Front Nazional, partito nazionalista della destra francese, per protestare contro la presenza dei profughi al confine.(AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.