TwitterFacebookGoogle+

Immigrati: ok Ue a missione contro trafficanti. Comando sulla portaerei Cavour

(AGI) – Lussemburgo, 22 giu. – I ministri degli Esteri dell’Ue hanno dato il ‘via libera’ alla prima fase della missione navale nel Mediterraneo contro i trafficanti di esseri umani che tentato di arrivare in Europa. La missione EUNavfor Med, il cui quartier generale sara’ a Roma, vuole agire contro il traffico di migranti e, nella prima fase, consistera’ nello scambio di informazioni e in una vigilanza rafforzata e il pattugliamento in alto mare per individuare i trafficanti. I ministri degli Esteri dell’Ue hanno dato il via libera all’operazione senza dibattito nel Consiglio che si sta svolgendo a Lussemburgo, perche’ la misura e’ stata gia’ concordata dagli ambasciatori la scorsa settimana. Le prime navi, sottomarini, aerei e droni saranno dispiegati nel giro di una settimana. L’operazione dovrebbe consentire, ad un certo punto, di distruggere i barconi utilizzati dai trafficanti sulle coste libiche, e soprattutto le barche che vengono utilizzate per trascinare le ‘carrette del mare al largo; ma in assenza di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza che autorizzi l’uso della forza nelle acque territoriali libiche, in questa prima fase la missione sara’ piuttosto limitata.

La missione navale contro il traffico di migranti nel Mediterraneo, appena approvata dal Consiglio dei ministri degli Esteri dell’Unione europea, “non ha come target i migranti, ma quelli che fanno soldi sulle loro vite”. Lo ha sottolineato, annunciando l’accordo dei Ventotto a Lussemburgo, l’alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini. “E’ la prima volta che l’Unione europea affronta il tema dell’immigrazione seriamente e con una decisione presa all’unanimita’ meno di due mesi dopo che il Consiglio europeo ci ha incaricati di varare la missione soprattutto per salvare vite”, ha osservato soddisfatta. “Esattamente due mesi fa – ha ricordato Mogherini – i ministri degli Esteri e quelli degli interni si riunivano in questo palazzo dopo la morte di 900 persone nel Mediterraneo. Tutti abbiamo detto in quella occasione che serviva una risposta europea”. Due mesi dopo, i Ventotto hanno lanciato “l’operazione navale per attaccare i trafficanti e smantellare il loro modello di business”. Mogherini ha aggiunto che si tratta solo “di una parte della nostra strategia, di cui parleremo piu’ tardi. Ma sono impressionata dall’unanimita’ e velocita’ con cui siamo riusciti a metterla in campo”. L’aspetto relativo alle relazioni esterne della politica Ue sull’immigrazione, ha ricordato, comprende anche gli accordi con i paesi di origine e transito, e in particolare quelli africani, e la prevenzione del problema, cercando di affrontarne le radici aiutando nei paesi di origine quei giovani che, senza prospettive, sarebbero costretti ad emigrare. Secondo Mogherini, piu’ in generale “non possiamo evitare di affrontare la questione di come accogliere chi bussa alla nostra porta”.

Portaerei Cavour sara’ base comando missione navale La portaerei Cavour sara’ la piattaforma di comando e coordinamento della missione militare Ue contro il traffico di migranti nel Mediterraneo, e avra’ anche la funzione di un ospedale navigante per soccorrere i migranti. Secondo quanto riferisce un alto funzionario della Difesa europea dopo il lancio della missione da parte dei ministri degli Esteri a Lussemburgo, “nella prima fase dell’operazione la portaerei servira’ da piattaforma di comando e le sue dimensioni consentiranno di accogliere un gran numero di migranti dopo il loro salvataggio”. Una dozzina di Paesi si sono gia’ impegnati a fornire uomini e mezzi: in tutto, sono gia’ stati messi a disposizione 5 navi da guerra, 2 sottomarini, 3 aerei, 2 droni e 3 elicotteri, ha riferito la fonte. In tutto, circa un migliaio di persone e’ gia’ mobilitato per l’operazione, che in questa prima fase sara’ soprattutto di intelligence e salvataggio delle persone ed operera’ nelle acque internazionali. “Nelle prime settimane, si trattera’ soprattutto di formare tutte queste persone agli obiettivi della missione, con preparazione specifica sui diritti umani”, ha spiegato la fonte. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.