TwitterFacebookGoogle+

Immigrati: Onu, raddoppiati gli arrivi in Europa

(AGI) – Ginevra, 1 lug. – Un autentico tsunami di 137.000 disperati nei soli primi mesi del 2015 ha attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Lo riferisce l’Agenzia Onu per i profughi, Unhcr, sottolineando che il numero e’ cresciuto di ben l’83% rispetto ai primi sei mesi del 2014 “L’Europa sta vivendo una crisi dei profughi di proporzioni storiche”, ha detto l’agenzia Onu. In Italia, dove nel 2014 erano sbarcati 170.000 migranti, nei primi sei mesi del 2015 gli arrivi hanno raggiunto quota 67.500. In Grecia gli arrivi sono gia’ nettamente aumentati (68.000) rispetto a tutto l’anno scorso (43.500). Oltre al dato record sugli arrivi, in forte aumento e’ anche il numero dei morti durante le traversate che sono gia’ 1.867 in questi sei mesi, di cui 1.308 soltanto ad aprile. L’intensificazione delle operazioni di soccorso con la collaborazione di unita’ di vari Paesi europei ha permesso di ridurre il numero dei morti a 68 a maggio e a 12 a giugno. “Con le giuste politiche, sostenute da un’efficace risposta operativa, e’ possibile salvare piu’ vite in mare”, ha osservato l’Alto commissario per i rifugiati, Antonio Guterres. Lo stesso Guterres ha sottolineato che “la maggior parte delle persone che arrivano per mare in Europa sono profughi che cercano protezione da guerre e persecuzioni”. Un terzo degli arrivi in Italia e Grecia del 2015 proveniva dalla Siria mentre un 12% era originario dell’Afghanistan e un altro 12% dell’Eritrea. Altri Paesi di provenienza sono Somalia, Nigeria, Iraq e Sudan. Nei primi sei mesi del 2014 gli arrivi erano stati 75.000 ma poi raddoppiarono nella seconda meta’ dell’anno e questo fa pensare che nei mesi estivi i numeri possano salire ancora. Il rapporto saluta con favore la decisione dell’Ue di redistribuire fra gli Stati membri 40.000 richiedenti asilo siriani ed eritrei gia’ arrivati in Europa. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.