TwitterFacebookGoogle+

Immigrati: Renzi "strategia Ue in Libia e triplicati fondi Triton"

(AGI) – Bruxelles, 23 apr. – Al termine di una giornata di discussioni, Matteo Renzi incassa la disponibilita’ di alcuni Paesi alla ricollocazione dei migranti soccorsi in mare, l’indisponibilita’ di altri compensata in parte dall’offerta di mezzi e risorse da dispiegare in mare. Il premier sa bene che si tratta del massimo risultato possibile date le condizioni. “Un grande successo per l’Europa prima ancora che per l’Italia”, lo definisce. Sul confronto hanno pesato le parole di un David Cameron che, in piena campagna elettorale e costretto a fronteggiare la crescita della destra estrema dell’Ukip, arriva al summit con un ‘niet’ senza appello alla possibilita’ che il Regno Unito si faccia carico di una quota parte dei richiedenti asilo. A riportare il premier britannico su una linea piu’ dialogante concorre il vertice a quattro che si e’ svolto subito dopo l’arrivo dei leader al Justus Lipsius. Renzi, Merkel, Hollande e lo stesso Cameron si sono seduti attorno a un tavolo ed e’ li’, lascia intendere Renzi, che le cose si sono messe per il verso giusto, soprattutto per quello che riguarda l’intervento diplomatico in Libia. Per la prima volta i membri dei Paesi G7 europei si sono trovati concordi sulla necessita’ di approntare una strategia che sia prima di tutto politica e diplomatica per la Libia, il cuore dell’emergenza immigrati. Assieme a questo, Renzi ha ottenuto il supporto dei tre altri leader per il mandato Onu in Libia. Tema che sara’ al centro, lunedi’, del suo incontro con il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon. Dal punto di vista operativo, Renzi vede aumentare le risorse di Triton e Poseidon che, triplicate, si avvicinano sempre di piu’ ai nove milioni al mese stanziati per Mare Nostrum. Di paragoni, tuttavia, Renzi non vuole parlare. Ogni paragone porta inevitabilmente alla macabra conta dei corpi rinvenuti in mare, “ma non si tratta di numeri. si tratta di vite, storie e persone”, sottolinea il premier. Combattere i trafficanti di esseri umani e’, per questa ragione, uno dei pilastri della strategia europea. Il premier si dice sconcertato dalla lettura delle intercettazioni che riportano le conversazioni fra i trafficanti. “Allucinanti”, le definisce Renzi sottolineando come esse mostrino “una reiterata violazione di tutti i diritti umani riconosciuti dalla comunita’ internazionale”. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.