TwitterFacebookGoogle+

In 40 anni scomparse in Italia quasi 30mila persone, la meta' sono minori

(AGI) – Roma, 24 ott. – Dal 1974 “le persone scomparse ancora da rintracciare alla data del 30 giugno 2014 sono 29.763”, 558 in piu’ rispetto al 31 dicembre dello scorso anno. Lo ha reso noto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, aprendo i lavori del convegno internazionale ‘La scomparsa di persone: una sfida per i Paesi Ue’, in corso di svolgimento alla Scuola superiore dell’amministrazione dell’Interno.

Alfano ha parlato di una “problematica drammatica e dolorosa, che suscita un notevole e giustificato allarme sociale”. Dato particolarmente preoccupante e’ quello relativo alla scomparsa dei minori che nel periodo in questione, ha ricordato il ministro, “sono ben 15.358, perlopiu’ stranieri. La Relazione del commissario straordinario del governo per le persone scomparse che presentiamo oggi offre numerosi spunti di riflessione perche’, al di la’ del dato statistico, non dobbiamo mai dimenticare che dietro ciascuno di questi numeri c’e’ una persona che non si trova, donne, uomini, corpi e lacrime di familiari disperati”.

Persone scomparse: un terzo sono donne, due su tre stranieri

Negli ultimi due anni, secondo la Relazione, sono state registrate oltre 23mila denunce di scomparsa. Solo nel 2012 sono scomparse due donne al giorno, in media dal 1974 piu’ di 200 l’anno. E un’altra criticita’ e’ rappresentata dai circa 1.600 scomparsi ultra 65enni malati di Alzheimer. Gli under 18 che mancano all’appello sono, invece, perlopiu’ minori stranieri non accompagnati che si allontanano dai centri di accoglienza dopo essere sbarcati sulle nostre coste meridionali. “L’affinamento dei mezzi di ricerca – ha sottolineato il ministro dell’Interno – ha consentito di compensare in parte questo trend, visto che su 140mila denunce di scomparsa complessive, sono state recuperate le tracce di 110mila persone.

Persone scomparse: Carrisi “chi scappa, fugge da se stesso”

Ma resta importantissimo prima di tutto risalire alle cause della scomparsa”: per i due terzi dei casi si parla di “allontanamento volontario ma ampio spazio trova anche il disagio mentale con almeno 1.500 casi di scomparsi con tale motivazione. Tra gli scomparsi, anche quote non ridotte di vittime di reato e di minori di figli separati che vengono sottratti da uno dei due coniugi. Altro doloroso capitolo e’ quello dei cadaveri non ancora identificati che alla data del 30 giugno scorso erano 1.283. Il dato piu’ allarmante e’ quello che si registra in Sicilia (588), che comprende i corpi degli stranieri recuperati in mare, compresi quelli relativi ai naufragi di Lampedusa dell’ottobre 2013. Segue il Lazio con 195 corpi non identificati, di cui 177 nella provincia di Roma e 154 nel solo comune capoluogo.

In Lombardia ne sono registrati 102, in Campania 73. “L’auspicio – ha concluso il ministro dell’Interno – e’ che il fenomeno possa essere arginato e, quindi, possa regredire in maniera sensibile grazie anche a questa mobilitazione collettiva, piu’ forte proprio perche’ vede uniti Stato e mondo dell’associazionismo”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.