TwitterFacebookGoogle+

In burkini a Nizza, costretta a toglierlo da polizia

Nizza (Francia) – Una donna sulla spiaggia di Nizza e’ stata costretta da un gruppo di poliziotti a togliersi il burkini che indossava. Le foto hanno fatto il giro del web, suscitando sdegno e infiammando il gia’ teso dibattito sul costume femminile islamico, vietato in 15 comuni francesi. Dalle immagini, di cui si ignora la fonte, pubblicate sui media britannici si vede una donna sulla spiaggia che indonna dei leggins, una tunica e il velo, e intorno a lei 4 agenti. Via via che scorrono le immagini, la donna si toglie la tunica mentre un poliziotto sembra scrivere una multa. Una situazione che ha scatenato la furia degli utenti su Twitter: “domanda del giorno: quanti poliziotti armati servono per costringere una donna a spogliarsi in pubblico?”, ha chiesto il direttore europeo di Human Rights Watch, Andrew Stroehlein, mentre la femminista francese Caroline De Haas ha sottolineato di “vergognarsi”. Martedi’ una donna con due figli e’ stata multata mentre si trovava in uno stabilimento a Cannes perche’ indossava leggins, tunica e velo. “Ero seduta sulla spiaggia con la mia famiglia, portavo una classico velo che copriva la testa, non avevo nessuna intenzione di fare il bagno”, ha raccontato la 34enne Siam. E’ atteso per domani il verdetto del Consiglio di Stato, la piu’ alta corte amministrativa francese, sulla messa al bando del burkini in diversi comuni, questione sollevata dalla Lega dei Diritti Umani davanti ai giudici. Finora, le sentenze di primo grado hanno sostenuto la decisione dei sindaci francesi, sostenendo che il burkini in questo momento potrebbe essere “percepito come una provocazione tale da esacerbare le tensioni”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.