TwitterFacebookGoogle+

In classe alla scuola media senza minigonne, rossetti e mutande in vista

Moncalieri, proposta della preside al consiglio di istituto dopo un sondaggio su Facebook.

La proposta della dirigente scolastica, sottoposta al gradimento dei genitori, prevede
lo stop a minigonne, a shorts troppo «audaci» e a pantaloni a vita bassa.
Pubblicato il 08/05/2018 –
MASSIMILIANO RAMBALDI –
MONCALIERI (TORINO) –
Stop a minigonne, a shorts troppo «audaci» e a pantaloni a vita bassa, anzi bassissima. Nelle due scuole medie dell’istituto comprensivo Centro Storico di Moncalieri, nella prima cintura di Torino, i ragazzi potranno entrare in classe solo indossando «un abbigliamento consono e rispettoso ad un luogo come la scuola». Niente grembiule per carità, ma più decoro sì. In più, per le ragazzine, è prevista anche una stretta sul trucco, che non potrà essere troppo pesante. Le regole di questo «dress code» varranno per tutti: nel mirino infatti sono finiti anche quei ragazzi che amano portare i pantaloni con vista mutande.

 

A proporre questo nuovo «codice dell’abbigliamento» è stata la preside, Valeria Fantino. Nei prossimi giorni l’idea sarà portata al tavolo del consiglio d’istituto: praticamente certa la sua approvazione, destinata comunque a far discutere. La dirigente ha fatto le cose per gradi, anche attraverso l’uso dei social. Inizialmente ha promosso un sondaggio sulla pagina Facebook dell’istituto, con una semplice domanda: «Chi sarebbe d’accordo nel vietare canotte, shorts e minigonne cortissime a scuola? Si deve favorire la consapevolezza che ogni luogo ha il proprio codice di comportamento e di abbigliamento: insegnando un minimo di rispetto e di buon gusto. Ovviamente mi riferisco anche ai jeans a vita bassa che mostrano le mutande». Il risultato è stato un plebiscito di «sì», cosa che l’ha spinta ad anticipare la proposta al consiglio d’istituto, in attesa di mettere tutto nero su bianco.

«Nelle scuole medie i ragazzi cominciano a capire come funzionano certi meccanismi e noi tutti siamo responsabili della loro formazione ed educazione – spiega Fantino – tra queste cose c’è anche l’importanza di capire che ogni luogo ha una forma da rispettare. Se oggi vengono a scuola con i pantaloni strappati o le minigonne, domani non capiranno che ad un colloquio di lavoro o in un ufficio ci si deve presentare indossando un abbigliamento opportuno». Quindi niente più canotte e slip a vista sopra i pantaloni? «Esatto, a scuola si viene vestiti dignitosamente e con garbo. Questo non vuol dire che se fa caldo, i ragazzi debbano arrivare con una maglia lunga: basta una normalissima T-shirt. E poi c’è la questione del trucco». In che senso? «È giusto per le ragazzine sperimentare, ma a scuola non si arriva truccate come ventenni al sabato sera. Nel nuovo regolamento ci sarà richiesto di evitare rossetti pesanti o fondotinta da abbronzatura».

Il nuovo corso riguarderà tutto l’istituto comprensivo, ma l’attenzione principale è rivolta ai 400 ragazzi delle medie «Canonica» e «Nino Costa», dove sono concentrati la maggior parte dei casi di «ribellione modaiola». Preside, non crede che sia eccessivo tutto ciò? Rischia di essere paragonata a una proibizionista: «Non credo, visto che tantissimi genitori sono d’accordo con me – replica la preside -, ho fatto appositamente il sondaggio su Facebook per avere un primo polso delle reazioni. Una madre mi ha detto chiaramente che sua figlia verrà a scuola truccata, perché lei le dà il permesso. Pazienza. Le scelte educative aiutano i ragazzi a crescere e a rispettare le istituzioni. E poi ho un’altra idea». Quale? «Invitare uno stilista a scuola, che racconti come ci si possa abbigliare in maniera alternativa, anche in rapporto alla propria corporatura e viso. Un professionista può insegnare come essere trendy, senza per forza trascendere nel cattivo gusto. Credo che ai ragazzi piacerà».

http://www.lastampa.it/2018/05/08/cronaca/in-classe-alla-scuola-media-senza-minigonne-e-rossetti-VnMzAhrX9SPkzqmlx0hGcI/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.