TwitterFacebookGoogle+

In Germania 75 anni fa primi deportati ebrei

Berlino – Settantacinque anni fa cominciarono le prime deportazioni di massa degli ebrei da parte dei nazisti. Lo ricordano la Spd e il Pse.

In Germania, oggi, i politici hanno ricominciato ad usare alcune parole del lessico nazista. Alcuni esempi: il movimento xenofobo di estrema destra Pegida parla spesso di ‘Luegenpresse’ (‘stampa bugiarda’), che fu un termine usato da Hitler negli anni Venti. I manifestanti anti Merkel hanno sovente striscioni con il termine ‘Volksverraeter’ (‘traditori del popolo’), parola spesso usata dai nazisti. A Dresda un manifestante aveva un cartello con una citazione di Goebbels.

Alcuni politici, come la leader di Pegida, Frauke Petry, usano l’aggettivo ‘voelkisch’ (‘etnico’), che fu una parola simbolo per il nazismo e la sua ideologia. Addirittura una politica della Cdu, Bettina Kudla, ha usato la parola ‘Umvolkung’, un termine che i nazisti usavano per definire la germanizzazione delle regioni conquistate dal Terzo Reich. In pratica il termine indica il cambio di una popolazione in una determinata regione. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.