TwitterFacebookGoogle+

In Italia c'è un allarme stupri? Allora leggetevi i dati del resto d'Europa

Gli ultimi episodi di violenza sulle donne avvenuti in tutta Italia – da Rimini a Bologna, da Milano al Salento – riportano in primo piano questo dramma con numeri agghiaccianti che parlano di quasi 11 stupri al giorno, 4mila ogni anno e oltre un milione di donne colpite nel corso della vita. Questa è l’Italia. Ma in Europa? Qual è la situazione in Francia, Spagna, Germania e Regno Unito? Per provare ad avere un quadro della situazione, si può partire dal rapporto diffuso nel 2016 dallo United Nations Entity for Gender Equality and the Empowerment of Women (UN Women).

Secondo il documento dell’agenzia dell’Onu, il 13% delle donne spagnole tra i 18 e i 74 anni hanno subito almeno una violenza fisica e/o sessuale da parte del partner nella propria vita, una percentuale che sale al 26% in Francia, al 22% in Germania  e addirittura al 29% in Gran Bretagna, mentre in Italia è al 19%.

Quanto alle violenze sessuali compiute da un non-partner, la percentuale di donne che ne hanno subita una nell’arco della propria vita, in Italia è del 5%, in Gran Bretagna e Germania del 7%, in Francia del 9% mentre in Spagna del 3%.

Il rapporto Onu si basa su un’ampia ricerca compiuta dall’Ue nel 2012, con 42mila testimonianze, fornendo la più accurata fotografia sulle violenze subite dalle donne nel Vecchio Continente.

Un rapporto sulle violenze subite dopo i 15 anni

Una lettura confermata dai dati diffusi dallo European Institute for Gender Equality nel novembre 2016: guardando alle donne che hanno subito violenza fisica o sessuale, fin dall’età di 15 anni, il record negativo lo detengono Francia e Gran Bretagna con il 44%, 11% in più della media europea (33%), segue la Germania con il 35%, ultime Italia (27%) e Spagna (22%), con dati inferiori rispetto a quelli complessivi europei

In particolare, nel rapporto si sottolinea come nel Regno Unito il 68% delle donne hanno subito molestie sessuali, tra il 2014-2015 nella sola Scozia sono stati denunciati 1.797 casi di stupro, mentre nell’Irlanda del Nord tra giugno 2015 e giugno 2016 i crimini sessuali sono cresciuti del 9% rispetto all’anno precedente. In Francia, tra 2007 e 2008 150mila donne tra i 18 e i 75 anni sono state violentate, in Germania nel 2012 solo l’8,4% di tutte le violenze sessuali denunciate hanno portato a condanne.

In Spagna il sondaggio più recente (2015) ha riferito che il 24% delle donne ha subito violenze fisiche o sessuali e nello stesso anno sono stati registrati 129.193 casi di violenza da parte del partner. In Italia la percentuale di donne tra i 16 e i 70 anni vittime di violenza sessuali è pari al 21% e il 5% delle donne ha subito nella vita uno stupro o tentato stupro.

I casi che riguardano gli uomini

La rete Rape Crisis England & Wales riporta una serie di dati, basati su statistiche ufficiali del 2013, secondo i quali circa 85mila donne e 12mila uomini subiscono uno stupro ogni anno, circa 11 violenze sessuali all’ora (e si parla solo di casi di adulti), una donna su 5 ha avuto esperienza di una qualche forma di violenza sessuale dall’età di 16 anni, solo il 15% denuncia alla polizia e in circa il 90% dei casi la vittima dello stupro conosce il suo aggressore.

Il rapporto ‘An Overview of Sexual Offending in England and Wales’, bollettino statistico ufficiale prodotto dal ministero della Giustizia britannico riferito al periodo marzo 2015-marzo 2016, sottolinea che alla polizia sono stati denunciati 106.098 reati sessuali, il numero più alto dall’introduzione nel 2002 del registro nazionale dei crimini. L’aumento dei casi registrati si ritiene che rifletta una maggiore consapevolezza nelle vittime della necessità di denunciare le violenze.

Il caso francese

In Francia, il nuovo ministro per l’Uguaglianza di Genere, la 34enne Marlene Schiappa, pochi giorni fa ha annunciato l’intenzione di presentare una bozza di legge per renderà le molestie sessuali contro le donne per strada punibili con multe fino a 5mila euro. “E’ un grosso fenomeno in Francia” e “gli uomini ritengono che sia un comportamento accettabile”.

Sul sito del suo ministero, in una infografica su “Le donne e gli spazi pubblici, 10 dati da conoscere” si riporta come il 100% delle utilizzatrici dei mezzi pubblici sono state vittime almeno una volta nella loro vita di molestie sessuali o aggressioni, il 25% delle donne tra i 18 e i 29 anni hanno paura per strada e il 40% delle donne francesi hanno rinunciato a frequentare certi luoghi pubblici in seguito a manifestazioni di sessismo.

Spagna e Italia

Per quanto riguarda Spagna e Italia, tra il 2015 e il 2016 ricercatori hanno condotto una serie di interviste nell’ambito del progetto “WAVE: Women Against Violence Engagement” sulla violenza sulle donne, mettendo a confronto i due Paesi, insieme anche alla Turchia. Nel documento finale si riferisce che il 27% delle donne italiane e il 22% di quelle spagnole hanno subito violenza fisica o sessuale da parte del partner o di un non-partner nella loro vita dall’età di 15 anni, nello specifico delle violenze sessuali da parte di un non-partner la percentuale è del 5% in Italia e del 3% in Spagna.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.