TwitterFacebookGoogle+

In Kenya boom di colera e ospedali pieni. Anche i politici restano senza letto

L’emergenza dopo un evento commerciale a Nairobi: oltre 350 casi segnalati.

Pazienti degli ospedali di Nairobi. Foto archivio Capital FM Kenya.
Pubblicato il 18/07/2017 –
debora bizzi –

Nella capitale del Kenya anche i ricchi piangono. E anche per loro non ci sono letti d’ospedale. A Nairobi, infatti, circa un centinaio di esponenti della classe politica – tra cui due segretari del Gabinetto e un segretario principale – sono stati colpiti dai sintomi del colera, malattia quasi scomparsa in diverse parti del mondo ma molto diffusa in Kenya.

I politici hanno manifestato i primi segnali dell’infezione dopo aver partecipato a un evento commerciale presso la Kicc, Kenya International Convention Centre e subito (dopo essere stati colpiti personalmente) si sono attivati per cercare una soluzione e una spiegazione. Il dott. Jackson Kioko, direttore dei servizi medici presso il ministero della Salute, ha espresso la sua delusione sull’accaduto e dichiarato che è vergognoso per una città soffrire di una malattia così.

Oltre ai sintomi, la classe politica della città si è trovata ad affrontare un altro problema comune fra i cittadini meno abbienti: la mancanza di letti disponibili negli ospedali privati di Nairobi. Tutte le cliniche private cittadine sono piene, non hanno a disposizione spazio neppure per gli affetti di colera – e in Kenya già 366 cittadini hanno mostrato i sintomi di questa epidemia.

«Tutti gli ospedali privati a Nairobi sono pieni – ha dichiarato la giornalista Muthoni Njuki dopo aver contratto la malattia-. Mi sono recata in tutte le cliniche private della città ma niente, non sono riuscita a ottenere un posto». Dopo vari tentativi e diverse difficoltà, il Nairobi Womens Hospital ha trovato un letto alla giornalista.

http://www.lastampa.it/2017/07/18/esteri/in-kenya-boom-di-colera-e-ospedali-pieni-anche-i-politici-restano-senza-letto-oBNi3lNMgmlAIrJ00qm9xN/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.