TwitterFacebookGoogle+

In Siria si combatte vicino Aleppo, Hrw "30mila in fuga"

Beirut – Le forze lealiste siriane combattono su due fronti in prossimita’ di Aleppo. Lo sostiene l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Da una parte i jihadisti ell’Isis, dall’altra uomini di al-Qaeda e gruppi ribelli. E gli scontri, aggiunge Human Rights Watch, hanno messo in fuga nelle ultime 48 ore almeno 30mila persone. Human Rights Watch ha chiesto alla Turchia di aprire i confini per dar loro riparo. L’ offensiva del regime, sostenuta dall’aeronautica russa, ha gia’ provocato le rimostranze dell’amministrazione americana, secondo cui essa mette a rischio la gia’ fragile tregua, in un momento in cui tra l’altro stanno riprendendo a Ginevra i colloqui di pace intersiriani. Le forze lealiste (truppe vere e proprie insieme a milizie affiliate), da una parte, e dall’altra, ribelli anti-regime e jihadisti si stanno contenendo il controllo di ampie porzioni di territorio. Human Rights Watch ha accusato le guardie di frontiera turche di avere aperto il fuoco su alcuni degli sfollati: “I civili fuggono i miliziani dell’Isis e la Turchia sta rispondendo con munizioni vere che con compassione”. (AGI) .

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.