TwitterFacebookGoogle+

In Svezia un Imam sposa una coppia lesbica iraniana. E’ la prima volta per l’Islam

In Svezia un Imam sposa una coppia lesbica iraniana. E’ la prima volta per l’IslamIl primo caso di nozze religiose omosessuali all’interno dell’Islam a celebrarle Ludovic Mohamed Zahed, Imam attivo nella difesa dei diritti lgbt e anche lui regolarmente sposato, con rito religioso, a un uomo. Il movimento salafita algerino Sahwa si scaglia contro l’Imam.

-Redazione- A Stoccolma un Imam ha sfidato i precetti islamici e ha celebrato le nozze di una coppia lesbica.
Entrambe le donne sono di origine iraniana, fuggite dal loro Paese d’origine per poter vivere liberamente, si sono conosciute sul web, nove anni fa e finalmente il loro sogno di sposarsi si è realizzato. 
Una delle due donne affetta da una grave malattia ossea che la costringe a spostarsi sulla carrozzina. 

L’imam, Ludovic Mohamed Zahed, non è nuovo a questo tipo di aperture; già nel 2012, a Parigi aveva promosso la prima moschea aperta agli omosessuali. In seguito ha creato l’associazione “Omosessuali musulmani di Francia” che conta 500 soci e fa parte della Alem, la rete che riunisce le associazioni lgbtq europee e africane musulmane.

Questo è un momento storico”, ha detto al termine della cerimonia, “perché per la prima volta un imam ha unito in matrimonio una coppia di lesbiche”. 
 Zahed a sua volta risulta sposato religiosamente a un uomo e vive a Città del Capo.

La celebrazione delle nozze lesbiche non è piaciuta affatto al movimento salafita algerino Sahwa, che vuole “lavare l’onore dell’Algeria da questo perverso che si proclama imam omosessuale e che vive con un uomo come lui nel peccato”. 
“Non esistono imam omosessuali nell’Islam”, ha tuonato il movimento, chiedendo il ritiro del passaporto algerino a Zahed.

-27 agosto 2014-

Share Button

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.