TwitterFacebookGoogle+

In viaggio sul Treno Tour del M5S, tra ottimismo e scaramanzia – VIDEO

di Simona Zappulla

Bologna – Entusiasmo ed energia a 5 Stelle nel Treno tour #Iodicono. Ma anche il timore, con un tocco di scaramanzia, che alla fine il 4 dicembre prossimo al voto per il referendum costituzionale i Sì possano prevalere sui No. A sussurrarlo è più di un esponente del Movimento che da una parte teme l’offensiva finale mediatica da parte del presidente del consiglio e dall’altra che i cittadini si facciano ‘incantare’ da quella che definiscono ‘pura propaganda’.

Andrea Cecconi  intervistato sul regionale Ferrara-Bologna durante il Treno Tour M5s #Iodicono che toccherà 47 città italiane e oggi ha portato i parlamentari pentastellati in Emilia Romagna (di Simona Zappulla, Agi)

 

Per questo, a più riprese, ripetono come a rassicurare, che se vincerà il No non ci sarà “nessuna apocalisse né cataclisma come vuole farci credere la propaganda di Renzi”, parole di Alessandro Di Battista in primis.

Alessandro Di Battista sul regionale Ferrara-Bologna durante il Treno Tour M5s – VIDEO

Anche se in un crescendo di interventi – prima a Ferrara e poi a Bologna nel quartiere storico della Bolognina che sancì la fine del Pci – dopo aver elencato tutte le “fregature” della riforma – così le chiama la senatrice M5s Paola Taverna – il deputato Roberto Fico, sempre cauto e moderato nei suoi interventi chiude con veemenza accompagnato dagli applausi della folla: “Quando vedranno la vittoria del No, il 5 dicembre faremo una grande festa e andremo a Chigi e tireremo il presidente del Consiglio giù giù”.

Paola Taverna sul regionale Ferrara-Bologna durante il Treno Tour M5s – VIDEO

Perché i 5 Stelle ci sperano davvero e se il No dovesse vincere, sarebbero pronti ad incalzare il presidente del Consiglio a “fare ciò che ha promesso” e cioè dimettersi “perchè non è un reato mantenere la parola una volta tanto” dice ironico Carlo Sibilia. E quindi andare ad elezioni è l’auspicio.

Carlo Sibilia sul regionale Ferrara-Bologna durante il Treno Tour M5s – VIDEO

Intanto la partita è aperta e tutta da giocare a meno di 20 giorni dalla data ‘spartiacquè come l’ha definita lo stesso Renzi. I 5 stelle portano avanti la loro campagna elettorale sui treni regionali – dal nord al sud, 47 città in tutto come i 47 articoli della Costituzione modificati – tra la simpatia della gente che li accoglie tra i binari, alle stazioni e nelle piazze. Stasera a Bologna Beppe Grillo non c’era (molti invece lo aspettavano e c’era anche una cugina di Grillo che lo cercava, per salutarlo, nella piazza di Ferrara) mentre ci sarà a Roma il 26 per il Cammino della costituzione con tricolore indosso e poi sicuramente nella tappa conclusiva a Torino il 2 dicembre, al fianco della sindaca Chiara Appendino.

Vittorio Ferraresi sul regionale Ferrara-Bologna durante il Treno Tour M5s – VIDEO

C’è però chi non esclude una sua comparsata anche in altre città ma se avverrà sarà senza preavviso “come fa sempre Beppe” dice chi lo conosce bene. Domani il treNo tour m5s proseguirà nelle Marche e in Abruzzo.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.