TwitterFacebookGoogle+

Influenza: attesi 4-5 mln di casi, uomini piu' deboli e lamentosi

(AGI) – Milano, 29 set. – Con l’arrivo delle basse temperature, come ogni inverno, sono pronti all’attacco anche centinaia di virus responsabili di febbre, tosse, dolori vari e disturbi gastrointestinali. E gia’ si stima che “la prossima stagione influenzale sara’ di intensita’ media, 4-5 milioni di casi” anche se “l’effettiva diffusione dipendera’ pure dall’andamento delle temperature”. Lo ha detto Fabrizio Pregliasco – Virologo e Ricercatore del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Universita’ degli Studi di Milano, intervenendo alla conferenza stampa di Assosalute a Milano. “Nella prossima stagione influenzale saranno 3-4 i virus protagonisti – prosegue l’esperto -. Il gia’ conosciuto virus A/H1N1 California che ‘completera’ la sua opera’; un virus di origine svizzera A/H3N2; un virus B/Phuket e, forse, anche un altro virus B/Brisbane”. “I virus influenzali non fanno differenza di genere, sia uomini che donne sono a rischio in egual misura e gli organismi reagiscono esattamente allo stesso modo – aggiunge Pregliasco -. Non si puo’ dire lo stesso della psiche: le donne, infatti, una volta contratto il virus reagiscono spesso in maniera piu’ risoluta rispetto al cosiddetto ‘sesso forte’, che invece in questi casi si dimostra nettamente piu’ ‘debole’ e ‘lamentoso'”. Occhio poi al mix nonni-nipoti: i nonni, cui spesso sono affidati in gestione i bambini, devono prestare particolare attenzione poiche’ anche un banale raffreddore del bambino potrebbe essere particolarmente insidioso. “Saranno oltre 200 i virus in circolazione anche quest’anno, variamente mescolati e con sintomatologie relativamente diverse, pronti a diffondersi in funzione della presenza o meno di ‘temperature ballerine’ – afferma ancora Pregliasco -. Dai rhinovirus, passando per i piu’ temibili adenovirus e coronavirus, gli enterovirus e infine i virus parainfluenzali, solo di nome simili a quelli che causano la vera influenza”. Ma come possiamo riconoscerli e soprattutto distinguere un raffreddore da quella che comunemente chiamiamo “influenza”? Sotto il termine ombrello “influenza” tendiamo a comprendere, infatti, una miriade di forme infettive dovute a diversi virus. Tecnicamente pero’ si puo’ parlare di “vera influenza” solo se ci sono tre condizioni presenti contemporaneamente: febbre elevata, oltre 38 ad insorgenza brusca, sintomi sistemici come dolori muscolari/articolari e sintomi respiratori come tosse, naso che cola, congestione/secrezione nasale o mal di gola. In tutti gli altri casi si parla di infezioni respiratorie acute o sindromi para-influenzali, come ad esempio il raffreddore, che si caratterizza per naso otturato che cola e per gli starnuti che la fanno da padroni. Un’opportunita’ il vaccino antinfluenzale per tutti, diventa un ‘salvavita’ per le persone fragili, ovvero tutti gli anziani sopra i 65 e i malati cronici per i quali l’influenza potrebbe determinare complicanze. Non protegge da tutte le forme non dovute a virus influenzali e a volte non evita completamente la malattia, ma ne attenua sintomi e rischio di complicanze. I farmaci di automedicazione possono essere utili per gestire autonomamente disturbi come raffreddore, tosse, mal di gola e febbre, senza dimenticare pero’ di rivolgersi al medico se i sintomi non dovessero migliorare entro 5-6 giorni. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.