TwitterFacebookGoogle+

Inps: al via servizio di simulazione pensioni. Boeri contestato

(AGI) – Roma, 30 apr. – “E’ un’operazione verita’e di trasparenza nei confronti dei cittadini che un grande ente previdenziale deve fare”. Cosi’ il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha presentato ‘La mia pensione’, il progetto che parte domani e che prevede la possibilita’ di sapere, in anticipo, quale sara’ la pensione del lavoratore. L’istituto si propone di mettere gradualmente a disposizione dei circa 23 milioni di iscritti alle diverse gestioni un servizio di simulazione e calcolo del futuro trattamento pensionistico, sulla base dei dati attualmente registrati sull’estratto conto e su una proiezione dei contributi che ancora mancano al raggiungimento dei requisiti, associando quindi il conto simulato ad uno scenario marco-economico ipotizzato sulla base di parametri relativi all’andamento dell’economia e delle retribuzioni, al livello di inflazione e alla speranza di vita. Lo scopo e’ di fornire un ragionevole ordine di grandezza su cui impostare scelte consapevoli e coerenti con il proprio status previdenziale. Per il 2015 – ha spiegato Boeri – il servizio sara’ esteso a 17,8 milioni di lavoratori mentre i restanti 5 milioni saranno coperti nel 2016. “Con il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo – ha proseguito Boeri – c’e’ stata una forma di ignavia nel non voler dire la verita’ ai cittadini. Si e’ avuto paura della loro reazione. E’ stata una precisa responsabilita’ dei governi degli anni passati e di chi ha gestito questo istituto”. Conferenza stampa ‘agitata’ quella del presidente dell’Inps, che e’ stato piu’ volte interrotto durante la presentazione del progetto la ‘La mia pensione’ dai sindacati di base Usb. Questi ultimi, con cartelli e megafono, hanno protestato contro il nuovo progetto dicendo che costera’ all’istituto 50 milioni di euro che saranno tagliati dalle spese di funzionamento dell’ente e quindi anche dalle retribuzioni dei dipendenti con il rischio di una loro riduzione. Boeri ha seccamente respinto questo dato: “Non e’ assolutamente vero. Il progetto non produrra’ alcun costo aggiuntivo ma sara’ a costo zero”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.