TwitterFacebookGoogle+

Intercettazioni, Anm: riforma va bloccata entro 48 ore

L’Associazione nazionale magistrati chiede che la riforma delle intercettazioni, in vigore da dopodomani, sia bloccata subito. “Siamo in ritardo, abbiamo 48 ore di tempo”, ha detto il presidente dell’Anm Francesco Minisci, intervistato a ‘Unomattina’. “E’ necessario un provvedimento tra oggi e domani – ha osservato il leader del sindacato delle toghe – per sospendere la riforma e ripensarne l’intero assetto”. Minisci, inoltre, è tornato a sottolineare che la riforma approvata lo scorso dicembre “è sbagliata, non raggiunge l’obiettivo di tutelare la privacy” ed “è dannosa sia per il lavoro dei pm che per il diritto di difesa”. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.