TwitterFacebookGoogle+

IO, MEDICO DELUSO DAL PRONTO SOCCORSO ( DA REPUBBLICA DEL 19 MARZO)

Lettera firmata. Sono un medico di Pronto soccorso in un ospedale di una piccola città. Dopo tanti anni di questo lavoro, che ho scelto con passione, devo ammettere il mio fallimento professionale e personale. Giorno dopo giorno sono arrivato a “odiare” il mio lavoro, a sentirmi angosciato ogni volta che inizio un turno e sollevato alla fine, quando esco dall’ospedale. Fallimento professionale perché non sono più in grado di operare per la mia missione: le carenze organizzative sovrastano le capacità e l’impegno di tanti. Delusione personale per chi, come me, ha creduto e investito tutto se stesso. Trentacinque anni fa, quando ho iniziato, il malato aveva un letto, lenzuola, coperta e cuscino. Oggi spesso il massimo è una barella. Allora non si aveva la Tac, ma il medico si prendeva cura del paziente e si affidava a quella che ancora era un’arte. Oggi, tra efficientismo tecnologico e bilancio economico, noi medici ci trasformiamo in manager. Vorrei essere “rottamato” e magari lo facessero.

Original Article >> http://donfrancobarbero.blogspot.com/2014/03/io-medico-deluso-dal-pronto-soccorso-da.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.