TwitterFacebookGoogle+

"Io viaggio da sola", il post che commuove e indigna il mondo

Roma – “Ieri mi hanno uccisa… ma peggio della morte è stata l’umiliazione che è venuta dopo. Come eri vestita? Perché viaggiavi da sola?”. E’ la drammatica denuncia di una studentessa paraguaiana che su Facebook, in prima persona, ha raccontato il barbaro omicidio di due turiste argentine in Ecuador. Il suo post è stato condiviso da oltre 700mila persone in tutto il mondo e su Twitter è partita la campagna #Viajosola (viaggio sola).

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.