TwitterFacebookGoogle+

Iran: Obama apre a Putin e poi dice: "io come Reagan e Nixon"

(AGI) – Roma, 15 lug. – L’accordo sul nucleare iraniano non va misurato sulla sua “capacita’ di cambiare il regime in Iran” ne’ di “eliminare tutte le loro scellerate attivita’ nel mondo” bensi’ “sulla sua capacita’ di impedire” a Teheran “di avere la bomba atomica”. Cosi’ il presidente Usa, Barack Obama – parlando al New York Times – ha commentato l’intesa sul nucleare tra Teheran e Paesi del 5+1.

“Abbiamo eliminato le possibilita’ che l’Iran possa sviluppare un’arma atomica”, ha aggiunto Obama che ha paragonato il suo approccio verso Teheran a quello, rispettivamente, di Richard Nixon e Ronald Reagan verso Cina e Unione Sovietica. “Ci sono molte cose che mi distinguono da Ronald Reagan ma ammiro in lui la capacita’ di riconoscere che, se c’era la possibilita’ di un accordo con l’impero del male, che perseguiva la nostra distruzione e poneva una minaccia alla nostra esistenza ben peggiore dell’Iran, allora ne valeva la pena”, ha spiegato Obama. Quanto a Nixon, “in molte cose sono in disaccordo con lui” ma “riusci’ a capire che c’era la prospettiva, la possibilita’, che la Cina potesse imboccare una strada diversa”, ha aggiunto. “La Russia e’ stata d’aiuto” nel raggiungimento dell’intesa sul nucleare iraniano, ha poi affermato Obama spiegando di essere rimasto “sorpreso” da Vladimir Putin.

Festeggiamenti a Theran, “la nostra economia ripartira’VIDEO

L’accordo e’ “una vittoria politica” per l’Iran: “nessuno puo’ dire che ci siamo arresi”, ha affermato invece il presidente iraniano, Hassan Rohani. “L’Iran non sara’ piu’ considerata una minaccia mondiale”, ha spiegato.

Guarda la galleria fotografica

Nel frattempo continua l’offensiva del premier israeliano, Benjamin Netanyahu. “Quelli che non attaccano il terrorismo, alla fine ne verranno attaccati”: e’ il tweet postato dal leader dello Stato ebraico, feroce oppositore della normalizzazione delle relazioni con la Repubblica islamica. All’indomani del raggiungimento della storica intesa a Vienna, Netanyahu punta sul Congresso americano, nella speranza che l’accordo venga bloccato, ma il presidente Barack Obama ha gia’ avvisato i parlamentari Usa che porra’ il veto. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.