TwitterFacebookGoogle+

Iraq: lo Stato islamico attacca Mosul, scontri con i peshmerga

(AGI) – Baghdad, 30 gen. – I miliziani dello Stato islamico hanno lanciato un nuovo attacco a ovest di Mosul nelle due localita’ di Kaske e Aske. Lo riferisce l’agenzia di stampa curda “Rudaw”, aggiungendo che le forze Peshmerga hanno respinto l’attacco, ma gli scontri continuano. Lo Stato islamico ha lanciato un’ondata di attacchi a partire dalle prime ore di questa mattina in diverse citta’ dell’Iraq, tra cui Kirkuk e Baghdad. Inoltre lo Stato islamico (Isis) ha rivendicato l’abbattimento di un caccia del regime siriano che stava bombardando zone controllate dai ribelli nella provincia di Damasco. Lo ha riferito l’Osservatorio siriano per i diritti umani, precisando che nell’incidente, avvenuto la notte scorsa nella zona di Bir Qasab, a sud della capitale, il pilota e’ rimasto ucciso. Gli jihadisti sunniti hanno pubblicato foto del velivolo e del corpo senza vita dell’uomo, insieme alla sua tesserina di riconoscimento. La notizia e’ stata rilanciata dai miliziani islamisti anche su Twitter: “I leoni del califfato hanno abbattuto un caccia (siriano) a Bir Qasab e il suo pilota e’ stato ucciso, grazie Dio”, si legge in un messaggio ampiamente condiviso. Sia gli jihadisti che le fazioni ribelli hanno piu’ volte abbattuto caccia del regime di Bashar al-Assad, che compiono bombardamenti giornalieri sulle zone ribelli, facendo vittime per la stragrande maggioranza civili. Lo Stato islamico ha fatto esplodere dieci palazzi presidenziali risalenti al defunto presidente iracheno Saddam Hussein nella citta’ di Tikrit, a nord di Baghdad. Secondo una fonte della polizia irachena “si tratta di 10 palazzi presidenziali, tra cui il Farouk Palace, costruito nella citta’ natale di Saddam, e altri che sono stati sede di funzionari governativi nella provincia di Salahuddin, prima dell’invasione dell’organizzazione estremista della citta’ di Tikrit”. La fonte ha riferito che “un gran numero di uomini armati hanno lasciato la citta’ di Tikrit, diretti verso la citta’ di Al Alam, 15 chilometri a nord est di Tikrit, portando con se’ un ingente carico di armi, di attrezzature e di mobili”. E’ terminata l’offensiva dello Stato islamico a Kirkuk, in Iraq, dove le forze peshmerga curdi sono riuscite ad avere la meglio sui jihadisti. E’ quanto riferiscono fonti locali, secondo cui gli scontri avrebbero lasciato sul terreno “decine di vittime”. L’attacco e’ iniziato con un attentato suicida al Kirkuk Palace Hotel che sarebbe stato condotto da piu’ miliziani armati di cinture esplosive. In seguito, sarebbe stata condotta un’offensiva sulla citta’ attraverso tre direttrici. Dopo aver cercato di catturare un numero di ostaggi, i jihadisti sarebbero stati tuttavia fermati alle porte di Kirkuk, che dalla scorsa estate e’ difesa dalle forze curde. La popolazione locale, secondo le fonti, sarebbe ancora sotto choc. .

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.