TwitterFacebookGoogle+

Iraq, pulizia religiosa contro i cristiani: case marchiate e 100mila civili in fuga

Iraq, pulizia religiosa contro i cristiani: case marchiate e 100mila civili in fugaSugli edifici di Mosul con una bomboletta spray è segnata una mezzaluna sormontata da una stella, ovvero la lettera araba “nun”, l’iniziale di Nassarah, la parola araba per indicare i “cristiani”. È da un mese che lo Stato Islamico sta portando avanti la sua persecuzione contro le minoranze religiose del nord dell’Iraq. Per le milizie dell’autoproclamatosi califfo al-Baghdadi per i cristiani non c’è posto. Hanno segnato le loro caseGli hanno tolto le scorte di cibo e d’acqua. Poi, l’ultimatum dei militanti del Califfo: tutti i cristiani si devono convertire all’Islam, o dovranno lasciare Mosul. Qualche settimana dopo l’inizio della fuga dei cristiani, un’altra proposta: “Se volete tornare,  arruolate i vostri figli nelle milizia jihadiste o pagateci la tassa della sharia per i non musulmani“, ovvero 450 dollari l’anno. Risultato immediato, tutti i cristiani hanno abbandonato la città irachena di Mosul e gran parte delle zone settentrionali nelle mani dello Stato islamico, scegliendo di fuggire nella vicina regione curda o in altre zone protette. Ai cristiani era stato dato l'ultimatum: "O vi convertite, o vi uccidiamo"Ai cristiani era stato dato l'ultimatum: "O vi convertite, o vi uccidiamo"Una manifestazione a Mosul contro il genocidio della comunità cristiana nel nord dell'IraqIraq, pulizia religiosa contro i cristiani: case marchiate e 100mila civili in fuga

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.