TwitterFacebookGoogle+

Iraq, raid aerei a Mosul su centro addestramento Isis, 50 morti

Baghdad – Almeno 50 miliziani dello Stato islamico sono stati uccisi in un raid aereo della Coalizione internazionale nella provincia di Ninive. Secondo quanto riferito da una fonte della sicurezza, il raid ha colpito il centro di addestramento del gruppo terroristico nella città di Mosul, vicino alla Grande moschea, distruggendolo completamente. Dallo scorso 24 marzo esercito iracheno emilizie tribali sunnite, con l’appoggio aereo della Coalizione internazionale contro lo Stato islamico guidata dagli Stati Uniti, hanno dato il via all’operazione “Fatah”per la liberazione della provincia di Ninive. Come richiesto dai leader religiosi e politici sunniti alle azioni non hanno preso parte miliziani sciiti e curdi, per evitare casidi rappresaglie ai danni della popolazione sunnita. Tuttavia i Peshmerga curdi hanno offerto il loro appoggio “in caso di necessità”. Mosul, seconda maggiore città dell’Iraq, e’ stata occupata dallo Stato islamico nel 2014 e, con un milione e mezzo di abitanti, è la città piu’ grande sotto il controllo delle milizie jihadiste. La riconquista di Mosul rappresenta un passo strategico di notevole importanza nella lotta al califfato islamico, dato che per lo stesso Abu Bakr al Baghdadi si tratta di una città dal forte valore simbolico. E’ proprio a Mosul, infatti, che nel giugno 2014 il sedicente califfo e’ apparso in pubblico per la prima e unica volta. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.