TwitterFacebookGoogle+

Isis: 80 frustate a chi indossa la maglia del Milan

Nel mirino del Califfato anche Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Manchester City e Chelsea.
22 settembre 2016 –

Il radicalismo islamico non risparmia nemmeno il mondo del calcio e vestire le maglie della proprio squadra del cuore può portare a tragiche conseguenze. Nella provincia di Al Furat in Iraq, l’Isis ha imposto il divieto di vestire diverse casacche, tra cui quella del Milan. Chi non rispetta la legge rischia fino a 80 frustate. Nel mirino del Califfato anche Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Manchester City e Chelsea.

La lista stilata dalla polizia religiosa locale include soprattutto le casacche prodotte dai colossi dell’abbigliamento sportivo Nike e Adidas. Secondo quanto riportato dal Daily Mirror, in Premier League sono finite nel mirino degli estremisti le maglie di Manchester United, Manchester City, Chelsea, West Bromwich e Sunderland. Colpite dal divieto anche quelle delle grandi di Spagna, Barcellona e Real Madrid, così come quelle delle nazionali di Inghilterra, Francia e Germania, tra le nazioni più impegnate nella lotta al Califfato islamico.

Secondo i dati rilevati dall’Osservatorio sulla Jihad e la minaccia terroristica (Jttm),chi dovesse violare la legge anti-magliette rischia fino a ottanta frustate sulla pubblica piazza.

http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/milan/isis-80-frustate-a-chi-indossa-la-maglia-del-milan_1119348-201602a.shtml

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.