TwitterFacebookGoogle+

Isis attacca giacimento gas Uccisi almeno 30 soldati siriani

(AGI) – Beirut, 39 ott. – Almeno una trentina di soldati delle truppe siriane sono morti in un attacco del gruppo jihadista Stato Islamico al giacimento di gas di Al-Shaer, nella provincia centrale di Homs. Lo riferisce l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, secondo cui gli estremisti, dopo una notte di scontri, stanno avanzando per prendere il controllo del giacimento. Lunedi’, i jihadisti dell’Isis si erano impadroniti del controllo di tre pozzi del campo di Al-Shaer. L’area e’ la stessa in cui gli estremisti lanciarono un attacco nel luglio scorso. Intanto un primo gruppo di cinquanta combattenti dell’Esercito Libero Siriano (Els) sono entrati nell’enclave curda di Kobane, attraverso la Turchia, per aiutare la difesa della citta’, da oltre 40 giorni assediata dagli jihadisti. Lo ha reso noto l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani. I ribelli, membri del gruppo di opposizione al regime siriano, sono entrati a Kobane, che si trova nel nord della Siria, con le armi proprie. Intanto si attende da un momento all’altro l’arrivo nell’enclave curda dei peshmerga, le truppe curde irachene, che sono entrate nella notte in territorio turco. Secondo la Turchia, e’ previsto che a Kobane entrino 150 peshmerga, oltre a circa 1.300 membri dell’Els. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.