TwitterFacebookGoogle+

Isis: Australia partecipera' ai raid in Siria, "accoglieremo altri  12.000 profughi"

(AGI) – Canberra, 9 set. – L’Australia rompe gli indugi e, dopo la Francia e a breve la Gran Bretagna, decide di partecipare ai raid aerei contro Isis anche in Siria, dopo che dallo scorso anno martella le postazioni dello Stato Islamico in Iraq, nell’ambito della coalizione internazionale a guida Usa. Lo ha annunciato il premier Tony Abbott, aggiungendo, dopo le polemiche per la scarsa generosita’ di Canberra, che l’Australia accogliera’ altri 12.000 profughi siriani in aggiunta ai 13.750 rifugiati che gia’ sono ospitati nel Paese. In particolare il premier ha detto che l’Australia aprira’ le porte alle minoranze, cristiani in primis, al momento nei campi profughi in Giordania, Libano e Turchia. Il premier ha chiarito che ha aaccolto una specifica richiesta degli Usa per partecipare ai raid contro Isis in Siria. Canberra finora ha usato 6 caccia-bombardieri di fabbricazione Usa F-18 e due aerei di sostegno solo per i bombardamenti in Iraq. La stessa forza si suddividera’ i compiti per colpire anche in Siria “Distruggere questo culto della morte e’ essenziale, non solo per porre fine alla crisi umanitaria in Medio Oriente ma anche per farala finita con la minaccia (rappresentata da Isis, ndr) all’Australia e al mondo”. .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.