TwitterFacebookGoogle+

Isis: distrutto il Leone di Alat del museo di Palmira

(AGI) – Beirut, 2 apr. – I jihadisti dell’Isis hanno distrutto la statua di un leone, del primo secolo a.C., che era collocata all’entrata del museo di Palmira, in Siria. Lo ha reso noto il direttore delle antichita’ e dei musei del Paese, Maamun Abdelkarim. “Per le sue dimensioni e il suo valore, e’ la statua piu’ importante distrutta finora dall’Isis in Siria”. Abdelkarim ha spiegato che la statua, che pesava 15 tonnellate ed era alta 3,5 metri, e’ stato distrutta una settimana fa ed era situata nel giardino del Museo di Palmira, vicino alle rovine grecoromane che hanno reso famosa la citta’ nei secoli. Nell’antichita’, il leone era situato nel tempio di Al Lat. Il reperto non aveva subito alcun danneggiamento durante gli oltre 4 anni di guerra in Siria perche’ le autorita’ lo avevano protetto con una placca di ferro e sacchi di arenA, il che lo aveva salvato dai jihadisti. Abdelkarim, che riceve le informazioni da testimoni sul terreno, ha segnalato che per il momento nulla indica che la parte archeologica di Palmira abbia subito danni; ma ha aggiunto che otto statue di uomini e donne, provenienti proprio dall’antica Palmira e che adornavano tombe a Manbech, una roccaforte dell’Isis nella provincia di Aleppo, sono state distrutte proprio oggi dai jihadisti. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.