TwitterFacebookGoogle+

Isis: fallita conquista pozzi petrolio, giustiziati 14 jihadisti

(AGI) – Baghdad, 22 giu. – Lo Stato islamico ha giustiziato 14 leader delle sue milizie per aver fallito la presa dei campi petroliferi di Alas e Ajil nella provincia irachena di Salah al Din, a nord di Baghdad. Lo riferisce il responsabile del comitato di sicurezza della provincia di Diyala, Sadiq al Husseini, in un’intervista al sito internet iracheno “Iraqi News”. L’esecuzione giunge dopo la tentata offensiva dell’Is nell’area respinta dall’esercito iracheno e dalle milizie della Mobilitazione popolare sciita. Secondo al Husseini, lo Stato islamico sta tentando in tutti i modi di riconquistare i pozzi di Alas e Ajil, che prima della loro occupazione da parte delle forze di Baghdad hanno rappresentato una delle principali risorse di denaro per l’organizzazione terroristica insieme ai campi petroliferi dell’area di Mosul. Il responsabile della sicurezza della provincia di Diyala aggiunge che la perdita dei due giacimenti ha creato una profonda spaccatura all’interno della leadership del movimento terrorista. Secondo fonti della sicurezza irachena, lo Stato islamico ha contrabbandato dal giugno 2014 al marzo 2015 almeno 500 camion carichi di petrolio. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.