TwitterFacebookGoogle+

Isis: governo Londra vuole chiedere ai Comuni ok a raid in Siria

(AGI) – Londra, 2 lug. – L’ipotesi che il massacro dei 29 cittadini britannici nella carneficina di Sousse in Tunisia ad opera di un killer di Isis, possa essere stata ordinata dal quartier generale di Raqqa, sta spingendo il governo britannicoc a chiedere di nuovo al Parlamento l’autorizzazione a bombardare le postazioni dei jihadisti anche in Siria e non solo in Iraq. E’ quanto riferisce la Bbc citando il ministro della Difesa, Michale Fallon. Cameron venne sconfitto ai Comuni nel 2013 quando chiese di partecipare alla campagna di raid – solo minacciata a bloccata all’ultimo minuto da Barack Obama – contro le forze di Assad. Ora si tratta di colpire Isis in Siria in uno scenario del tutto cambiato in due anni. I caccia-bombardieri Tornado britannici da settembre scorso partecipano ai bombardamenti contro Isis in Iraq ma non ai raid della coalizione a guida Usa in Siria. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.