TwitterFacebookGoogle+

Isis. I leader curdi: “Decine di italiani tra i jihadisti”

Isis. I leader curdi: “Decine di italiani tra i jihadisti”-Redazione- Vi sarebbero decine di italiani tra i combattenti dell’Isis.

A renderlo noto è Fares Tammo, il coordinatore generale del Consiglio rivoluzionario curdo, secondo cui la presenza di italiani tra i miliziani dello Stato Islamico è certa”. Si tratta, per lo più, di cittadini di origine maghrebina, che hanno deciso di recarsi in Medio Oriente per combattere a fianco dei jihadisti. Rappresentano, però, anche una minaccia per l’Occidente, dove potranno tornare e creare delle cellule distaccate dell’Isis. Anche perché risulta, per il momento, impossibile identificarli e quindi impedir loro di rientrare in Italia: Tutto ciò che sappiamo per certo sono i numeri, ma non abbiamo accesso a nessun nome”, ha aggiunto Tammo. 

“Arrivano già indottrinati dal primo giorno, quindi hanno solo bisogno di imparare a usare le armi”, pratica di cui non hanno alcuna esperienza”, ha proseguito. “Questa formazione, però, dura solo 2 o 3 settimane, poi i giovani combattenti vengono mandati in prima linea”.

Il profilo dei miliziani provenienti dal nostro Paese è quello di individui con il doppio passaporto, per lo più marocchini o algerini; al massimo, libici. Inoltre, possiedono una scarsa conoscenza del Corano (vengono indottrinati soltanto alla violenza estremista) e dell’uso delle armi, che compensano con entusiasmo verso la causa per cui combattono: “Loro vogliono combattere, sono entusiasti di farlo, e molti di loro sono passati con l’Isis o con il Fronte al-Nusra che, da questo punto di vista, li corteggia molto di più”, ha specificato Saber Bashar, ufficiale di collegamento tra le forze dell’Esercito siriano libero di stanza in Siria e quello operante in territorio turco.

E’ lui a confermare le rivelazioni di Tummo: “Ho incontrato almeno tre italiani in circostanze diverse che si erano arruolati con il movimento Ahrar al-Sham e che erano di origine nordafricana, uno forse somalo o marocchino del sud, in quanto di colore”, ha infatti precisato.

-17 ottobre 2014-

Share Button

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.