TwitterFacebookGoogle+

Isis, punito chi celebra oggi e non domani Festa del Sacrificio

Baghdad – Lo Stato islamico ha annunciato agli abitanti dei territori che controlla tra Iraq e Siria che la Festa islamica del Sacrificio si celebrerà domani, e non oggi come in tutti i paesi musulmani. Secondo quanto riferisce l’emittente televisiva irachena “al Sumaria”, il gruppo terroristico ha minacciato punizioni corporali per coloro i quali, all’interno del territorio del cosiddetto Califfato di Abu Bakr al Baghdadi, dovessero celebrare oggi questa ricorrenza, in quanto colpevoli di apostasia.

Alla Mecca 1,8 milioni di pellegini, timori per Eid al Adha

Gli abitanti della provincia irachena di Ninive, dove si trova Mosul, sono rimasti sorpresi da questo annuncio fatto ieri tramite la diffusione di un volantino nei mercati della zona. L’Eid al-Adha(festa del sacrificio) è la festa islamica celebrata ogni anno nel mese lunare di Dhu al Hijjah, in cui ha luogo il pellegrinaggio canonico, detto Hajj. La celebrazione ricorda la vicenda, riassunta in una sura nel Corano, del sacrificio di Abramo, che obbedisce all’ordine di immolare il figlio ma poco prima che lo sgozzi gli viene inviato dal cielo un montone da sacrificare al suo posto. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.