TwitterFacebookGoogle+

Isis: Putin, raid in Siria dopo no Usa a proposta di unire forze

(AGI) – Washington, 24 set. – Il presidente russo Vladimir Putin si sta preparando ad ordinare raid aerei contro le postazioni di Isis in Siria se gli Stati Uniti insisteranno nel respingere la sua offerta di unire le forze contro la comune minaccia rappresentata dai jihadisti sunniti, per poi discutere di una transizione politica nel Paese, una volta sconfitto lo Stato Islamico. E’ quanto riferisce l’agenzia Bloomberg spiegando a cosa serva l’imponente dispiegamento di forze russe (da ultimo 25 caccia-bombardieri e 9 elicotteri d’attacco) in Siria nella regione costiera di Latakia, cuore della sette sciita aluita degli Assad e sede, piu’ a sud, dell’unico porto di Mosca nel Mediterraneo, la base di Tartus. Secondo Bloomberg Putin preferirebbe che le sue forze e quelle della coalizione internazionale a guida Usa, che dal 23 settembre martellano – senza grandi risultati – il Califfato in Siria possano coordinarsi nell’attacco contro Isis, unendo le forze con i pasdaran iraniani e l’esercito regolare siriano. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.