TwitterFacebookGoogle+

Isis: ultimatum scaduto ieri sera, ansia per i due ostaggi

(AGI) – Amman, 30 gen. – “Il sole sta tramontando e il respiro di Mouad Al Kassasbeh se ne andra’ con il sole”. Lo Stato islamico si prepara a uccidere il pilota giordano catturato il 24 dicembre mentre scorre inesorabilmente il tempo anche per il giornalista giapponese Kenjo Goto. La loro vita e’ appesa a un filo, e il pessimismo sulla loro sorte aumenta man mano che l’Isis invia al mondo messaggi sanguinari. L’ultimo e’ accompagnato dalla foto di un coltello e giunge dopo le indiscrezioni pubblicate dal New York Times, che citando una fonte in contatto con le autorita’ di Amman ha affermato che sarebbero falliti i negoziati per lo scambio di prigionieri tra lo Stato islamico e la Giordania.

Gli jihadisti avevano chiesto la liberazione di Sajida al-Rishawi, un’aspirante kamikaze irachena arrestata nel 2005 ma il governo di Amman ha annunciato che non liberera’ Rishawi finche’ non avra’ la prova che il pilota e’ ancora vivo. Il nuovo ultimatum che fissava la durata della vita degli ostaggi “fino al tramonto” (di ieri, ndr) era arrivato al mattino. Account ricollegabili al gruppo jihadista su Twitter avevano pubblicato un audio in cui sembra riconoscibile la voce del giornalista nipponico, Kenji Goto, che esponeva le nuove richieste del gruppo. “Se Sajida al-Rishawi, non sara’ pronta per lo scambio con la mia vita al confine turco al tramonto di giovedi’, 29 gennaio, ora di Mosul, il pilota giordano Mouath al-Kassasbeh sarai’ ucciso immediatamente”. Da messaggio non si capisce se sara’ liberato Goto o Kassasbeh.

Mercoledi’ dopo che la Giordania si era detta pronta a liberare la terrorista, si era ad un certo punto diffusa la notizia che lo scambio fosse gia’ avvenuto: Goto in viaggio dalla Siria verso la Giordania, la al-Rishawi gia’ “nella terra del Califfato”. Ma poi non e’ arrivata alcuna conferma ufficiale. La Giordania anzi si era affrettata a precisare di non aver ricevuto alcuna assicurazione che il pilota fosse ancora in vita e ha sottolineato che il rilascio della terrorista – kamikaze mancata in un sanguinoso attentato contro tre hotel ad Amman nel 2006 – sarebbe avvenuto solo dopo aver ricevuto questa conferma.

E’ ovvio che qualunque scambio che non coinvolgesse il pilota non sarebbe ‘digerito’ dall’opinione pubblica giordana, dove il governo comunque ha sempre insistito sul fatto che quella sia la priorita’. In serata Amman ha ribadito la propia posizione. Quanto al Giappone, il portavoce del governo, Yoshihide Suga, aveva detto ai giornalisti che la registrazione, in cui si chiede il rilascio della terrorista sembra reale. Tokyo sta cercando di salvare Goto affidandosi alla mediazione di Amman. Suga ha aggiunto che il premier giapponese, Shinzo Abe, ha chiesto a “diversi Paesi, tra cui la Turchia, la loro collaborazione”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.