TwitterFacebookGoogle+

Istituzioni e violenza sulla donna

di Paolo Flores d’Arcais

Mentre tutti i media danno con grande enfasi e soddisfazione notizia delle iniziative che si stanno svolgendo in tutta Italia per la “giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, con solenne partecipazione delle Istituzioni dello Stato, da Paolo Gentiloni che twitta “L’Italia civile si unisce per dire basta alla vergogna della violenza sulle donne”, a Laura Boldrini che dichiara in Parlamento che tale violenza “sfregia la nostra comunità”, viene rinchiusa nel carcere femminile di Trieste A.M., di 47 anni, prelevata dalla propria dimora, messa a disposizione dal Comune di Fiume Veneto (Pordenone) e proprio per le pessime condizioni di salute poiché da anni soffre di una grave patologia degenerativa che le impedisce la deambulazione, dove a occuparsi di lei erano anche gli assistenti sociali (notizia Ansa delle 12,36 di ieri ripresa solo da Huffington Post).

A.M., che aveva già un equilibrio fisico precario per l’insorgere della patologia, per anni era stata sistematicamente picchiata dal marito. Una notte del 2010, al culmine dell’esasperazione, la donna prese un coltello e uccise l’uomo nel sonno. Viene condannata a 10 anni, confermati in tutti i gradi di giudizio.

Se anni e anni in cui una donna con crescente disabilità viene picchiata sistematicamente dal marito (non una volta, non dieci volte, ma SISTEMATICAMENTE) e come unica difesa ha quella di ucciderlo nel sonno, e la legittima difesa non viene riconosciuta e di conseguenza la donna non viene assolta, a che servono tutte le bella parole delle Istituzioni?

(26 novembre 2017)
 http://temi.repubblica.it/micromega-online/istituzioni-e-violenza-sulla-donna/

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.