TwitterFacebookGoogle+

Italia al gelo fino a giovedì. E la tregua sarà breve

Roma – Meglio rassegnarsi: il freddo non andrà via. Calerà il vento, che renderà le temperature più sopportabili, ma per i prossimi giorni la morsa del gelo non si allenterà sul centro e sud Italia. Per i meteorologi si tratta di un’ondata di freddo tra le più intense degli ultimi decenni e restano i disagi sulle strade di molte regioni, tanto che in quasi tutta la Puglia è stato deciso di tenere le scuole chiuse anche lunedì. 

Il centro-sud paralizzato dalla neve – Video

Cosa succederà nei prossimi giorni

L’Italia rimarrà bloccata nella morsa del gelo artico anche nella prima parte della prossima settimana, con la neve che imbiancherà ancora fino a quote molto basse soprattutto il versante adriatico, maggiormente esposto all’aria gelida che viene dai Balcani.

La domenica nuvolosa si è rasserenata in serata, anche se rimangono deboli nevicate lungo le coste su sud Marche, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata, nell’entroterra della Calabria e a quote collinari in Sicilia. Anche se le temperature massime sono salite dappertutto restano di molti gradi al di sotto della norma.

Lunedì ancora nuvoloso sulle coste adriatiche e in Sicilia, con nevicate fino a bassa quota su Abruzzo e Molise e n serata sulla Puglia. Le temperature saranno in lieve riealzo, ma resteranno rigide e su Liguria e Sardegna sarà possibile qualche pioggia in serata. 

Le immagini più belle delle città al gelo

L’aria gelida continuerà a ‘mordere’ fino a mercoledì e martedì saranno possibili deboli nevicate in Piemonte. Per giovedì e venerdì sono attese correnti atlantiche più miti, ma sarà una tregua momentanea: per metà mese tornerà il gelo. Restano scarse le piogge, soprattutto su Lombardia, Piemonte e Val d’Aosta. 

Ecco le temperature nelle zone colpite dal maltempo: 

  • Belluno -12
  • Udine -9
  • Trento -9
  • Vicenza -9
  • Brescia -8
  • GFerrara -8
  • L’Aquila -10
  • Campobasso -9
  • Rieti -8
  • Firenze -7
  • Pescara -6 
  • Napoli -6 (record degli ultimi 60 anni)
  • Cosenza -9
  • Potenza -6
  • Sassari -2

La situazione sulle strade alle 12 di domenica

Abruzzo

Resta chiusa la strada statale 17 “dell’Appennino Abruzzese”, dal km 107 al km 134, nel tratto da Pettorano-Sulmona a Roccaraso in provincia dell’Aquila. In Basilicata e’ chiusa la strada statale 7 “Appia” dal km 580 al km 591 per la presenza di veicoli di traverso.

Molise

Sono chiuse per neve la strada statale 87 “Sannitica” dal km 146 nel Comune di Matrice (Campobasso) al km 180 del Comune di Casacalenda (Campobasso); la strada statale 212 “del Fortore” dal km 104 al km 93 nel Comune di Sant’Elia a Pianise (Campobasso) e tra i km 49-66; la NSA 278 “Var. Riccia” dal km 63 al km 68 nel Comune di Riccia (Campobasso); la NSA 340 “Var. Riccia” dal km 249 al km 258 nel Comune di Riccia (Campobasso); la NSA 366 “ex SS645 – var. Campodipietra” dal km 9 al km 10 nel Cmune di Campodipietra (Campobasso).

Puglia

E’ riaperta al traffico la strada statale 100 “di Gioia del Colle” dal km 30 al km 44. Permangono chiuse la strada statale 7 “Appia” dal km 591 al km 595 e la strada statale 96 “Barese”, dal km 84 al km 118.

Sicilia

La strada statale 120 “dell’Etna e delle Madonie” è chiusa al traffico dal km 137 al km 147. Mezzi Anas sono in movimento per continuare le attivita’ e ultimare lo sgombero neve tra i comuni di Cerami e Troina. La stessa statale permane chiusa al traffico anche ai km 66-81 da Madonnuzza (Petralia Soprana) a Gangi e ai km 41-42 tra Tremonzelli e Madonnuzza. Sempre in Sicilia sono chiuse al traffico le strade statali della zona settentrionale: la strada statale 113 dal km 7 al km 13 e dal km 86 al km 87; la strada statale 575 fino al km 14; la strada statale 289 dal km 15 al km 49; la strada statale 124 dal km 105 al km 106; la strada statale 117 dal km 27 al km 42, la strada statale 643 fino al km 22 (tra innesto SS120 e innesto A19 a Scillato), la strada statale 121 dal km 174 al km 186 e la SS285 dal km 14 al km 22 nel tratto tra Caccamo e Roccapalumba.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.