TwitterFacebookGoogle+

Italia-Cina, la sintonia va dalla ricerca al calcio

Pechino – Scambi economici, cultura, turismo e ricerca, ma anche i grandi temi degli investimenti e dell’interesse cinese per il calcio italiano. I rapporti tra Italia e Cina saranno al centro dell’incontro informale tra il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e il presidente cinese, Xi Jinping, mercoledì prossimo a Cagliari, durante una sosta “tecnica” nel capoluogo sardo del presidente cinese sulla via per il Perù, dove Xi è atteso per partecipare al prossimo summit dell’Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation). L’incontro informale in Italia tra il premier italiano e il presidente cinese, Xi Jinping, ora anche “core leader” del Partito Comunista Cinese, come è stato riconosciuto dall’ultimo plenum del Comitato Centrale del Pcc a ottobre scorso, avviene a solo due mesi e mezzo dall’ultimo incontro ufficiale tra i due, a margine del G20 di Hangzhou, nella Cina orientale. Lo scenario internazionale, intanto, è già mutato e in maniera significativa: dalle urne statunitensi è uscito vincitore a sorpresa della campagna presidenziale il candidato repubblicano, Donald Trump, a cui il presidente cinese ha telefonato nelle scorse ore per sottolineare l’importanza della cooperazione tra le due sponde del Pacifico.

Per Xi sarà la prima volta in Italia da quando ha assunto la carica di presidente cinese, anche se proprio durante l’incontro con Renzi alla West Lake State Guesthouse di Hangzhou, nella Cina orientale, aveva ricordato la partecipazione alle celebrazioni per i 150 anni dall’Unità d’Italia, il 17 marzo 2011, a Roma, in qualità di vice presidente cinese. Renzi, invece, si è recato in Cina già due volte dall’inizio del mandato: nel giugno 2014, dove ha incontrato sia il presidente cinese che il primo ministro, Li Keqiang, e a settembre scorso, per partecipare al summit dei capi di Stato e dei primi ministri dei Paesi membri del G20 di Hangzhou. I rapporti tra Italia e Cina vivono un momento di “rafforzamento delle relazioni”, aveva dichiarato il presidente del Consiglio nel colloquio con il presidente cinese a Hangzhou, il 3 settembre scorso, alla vigilia del summit del G20.

Nel colloquio, Renzi aveva ringraziato Xi per “la vicinanza e l’affetto del popolo cinese” in occasione del terremoto che ha colpito la città di Amatrice. La sintonia, come l’ha definita Renzi, nei rapporti tra Italia e Cina trova in campo culturale molte affinità: Italia e Cina, i due Paesi al mondo con il maggiore numero di siti Unesco (Italia 51, Cina, 50) “condividono la stessa sfida: essere orgogliosi del passato e costruire il futuro”. Il futuro per Italia e Cina comincia già nelle prime settimane del prossimo anno, che sarà particolarmente intenso nelle relazioni tra i due Paesi, con in programma le visite del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, prevista per le prime settimane del 2017, e di nuovo dello stesso Renzi, per un viaggio che punterà “ad alcune città che vedono la presenza di attività italiane sul suolo cinese” come affermato dal premier a Shanghai, il 3 settembre scorso.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.