TwitterFacebookGoogle+

Italia-Cina: Xi Jinping in Sardegna, stasera con Renzi

Cagliari – Il presidente cinese Xi Jinping è arrivato a Cagliari, accolto dal presidente della Regione, Francesco Pigliaru, dai sindaci di Cagliari Massimo Zedda e di Elmas Antonio Ena, dalla predetta Giuliana Perrotta e dal capo del cerimoniale della Repubblica, Riccardo Guariglia. Presente anche l’ambasciatore cinese Li Ruiyu. Xi è sbarcato assieme alla moglie e a un gruppo di ministri. Non sono presenti imprenditori, come appreso, invece, in un primo momento. Sono circa 25 i giornalisti e operatori cinesi accreditati.

Due bimbi sardi nel tradizionale costume hanno consegnato alla coppia presidenziale mazzi di fiori. Sei figuranti e un suonatore in colorati abiti tipici, fra i quali tre donne, hanno fatto gli onori di casa, prima che la delegazione cinese partisse per la prima tappa del visita lampo in Sardegna: le rovine archeologiche di Nora.

Alle 20 è previsto l’incontro col premier Matteo Renzi. Alla cena offerta da Palazzo Chigi interverrà anche il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. Nessuna agenda ufficiale è stata diffusa della visita nell’isola del presidente cinese. L’agenzia Xinhua riprende il comunicato del ministero degli Esteri cinese che annuncia la partenza di Xi per il Sud America, senza riferimento al transito tecnico di Xi a Cagliari. Non si tratta di una svista: la mancata comunicazione di questa tappa da parte del governo cinese ne sottolinea l’aspetto informale. Xi è a Cagliari per uno scalo tecnico durante il suo viaggio verso Ecuador, Perù e Cile dal 17 al 23 novembre (in Perù tra il 19 e il 20 novembre parteciperà al summit economico dell’Apec, Asia-Pacific Economic Cooperation) e si tratterrà nell’isola solo fino a domattina.

A fare da guida al sito di Nora, un funzionario della Sovrintendenza i beni archeologici. Dopo aver percorso la strada principale, tappa del presidente cinese al teatro per l’esibizione di un gruppo folk, con balli sardi e due suonatori di launeddas, il tipico strumento a fiato locale. Quindi, la ‘strada sacra’ dove sono stati allestiti due esposizioni, una di artigianato artistico sardo e l’altra di prodotti agroalimentari tipici che le aziende isolane esportano in Cina. Infine, il tempio di Esculapio. Per il presidente cinese è programmata una sosta davanti all’Atrio Petraschilo, meglio noto come ‘Domus’, una villa patrizia dalle cui colonne spunteranno i mamuthones di Mamoiada che si esibiranno in uno spettacolo dedicato a Xi Jinping.

Non ci sarebbe spazio per una visita al centro di ricerca regionale Crs4, non lontano da Nora, che di recente ha siglato un protocollo di collaborazione con la Huawei. Dopo Nora, quindi, il corteo presidenziale dovrebbe raggiungere lussuoso resort Forte Village, a circa 40 chilometri da Cagliari, dove sono in corso, in un clima di grande riserbo e riservatezza, i preparativi per accogliere l’importante ospite. 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.