TwitterFacebookGoogle+

Italia-Cuba in affari. In campo Intesa e Sace. A settembre Renzi

(AGI) – L’Avana, 7 lug. – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi sara’ a Cuba a meta’ ottobre. Lo ha riferito il vice ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, incontrando i giornalisti a margine della missione imprenditoriale in corso a L’Avana. L’invito – ha spiegato il sottosegretario agli Esteri Mario Giro – era stato rivolto gia’ da Raul Castro quando venne a Roma e in questi mesi il lavoro delle diplomazie si e’ intensificato. L’approvazione nel marzo 2014 della Ley de Inversion Extrajera per promuovere l’ingresso di capitali stranieri e il processo di normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Cuba e Stati Uniti, con la riapertura delle rispettive ambasciate, imprimeranno all’isola caraibica una trasformazione profonda. L’obiettivo dell’Italia e’ cogliere le inedite opportunita’ che si offrono in questa fase alle imprese italiane. La missione promossa dai ministeri dello Sviluppo economico e degli Affari esteri e organizzata da Confindustria, Ice, Abi, Alleanza delle Cooperative e Unioncamere intende identificare le prospettive di collaborazione che l’apertura di Cuba potra’ offrire al nostro sistema imprenditoriale. I settori a cui punta l’Italia sono quelli della meccanica agricola e trasformazione alimentare, ambiente ed energie rinnovabili, infrastrutture e costruzioni, biomedicale, turismo. “Stiamo preparando il terreno – ha detto Calenda – per chiudere i progetti di investimento quando arrivera’ il premier Renzi”. Accordo Intesa e Sace da 80 milioni per export Firmato a L’Avana un accordo di collaborazione tra intesa San Paolo e Sace per facilitare l’export di beni e servizi italiani a Cuba. L’accordo mette a disposizione delle imprese italiane un plafond rotativo di 80 milioni di euro, dedicato a conferme di crediti documentari emessi da istituti bancari cubani per il pagamento di singoli contratti commerciali del valore massimo di 5 milioni di euro. Intesa Sanpaolo e Sace consentiranno agli esportatori italiani di vendere i propri prodotti o servizi con dilazioni fino a 18 mesi, garantendone i pagamenti. Abi, dalle banche oltre 473 milioni per le imprese Oltre 473 milioni di euro stanziati dalle banche per le imprese italiane che scelgono di operare a Cuba. Secondo la stima dell’Abi sui dati dei gruppi bancari piu’ attivi sui mercati internazionali, a tanto ammonta il plafond messo a disposizione dal settore bancario per gli imprenditori che intendono operare con le controparti cubane, partecipando cosi’ al processo di sviluppo e ammodernamento produttivo del paese. Il processo in atto a Cuba ha spinto le comunita’ imprenditoriali statunitense ed europea a considerare l’isola come una nuova destinazione per futuri investimenti. A fine anno apertura di un ufficio Ice A fine anno aprira’ un ufficio dell’Ice all’Avana, hanno riferito il viceministro allo Sviluppo economico Claudio Calenda e il direttore generale dell’agenzia Roberto Luongo. Al termine della missione italiana in corso a Cuba sara’ avviato un punto di corrispondenza e successivamente partira’ un vero e proprio ufficio. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.